Coronavirus: in aumento i casi in provincia di Ragusa, più dell'inizio pandemia :ilSicilia.it
Ragusa

Incremento ultimi giorni ha superato Fasi 1 e 2

Coronavirus: in aumento i casi in provincia di Ragusa, più dell’inizio pandemia

di
7 Agosto 2020

 “Si registrano nel nostro territorio, dall’inizio della pandemia, 175 positivi, con un incremento, negli ultimi giorni, che ha superato i numeri delle fasi 1 e 2 del Covid-19“. Lo scrive in una nota l’Asp di Ragusa, che vede crescere in modo preoccupante i contagi da Coronavirus.

L’ultimo aggiornamento di oggi fa registrare altri 14 positivi, il numero più elevato dall’inizio della pandemia Covid-19. I casi in provincia, tra ricoveri e isolamenti domiciliari, sono 54, 120 i guariti; un paziente positivo a Ragusa è in ospedale a Catania. L’Asp ha ricostruito i contatti della coppia di fidanzati modicani risultati positivi riuscendo a individuare altri due ragazzi che hanno avuto contatti con la stessa coppia.

Due casi a Scicli, appartengono ad altra linea di contagio, che ha portato alla morte di una terza persona qualche giorno fa.

Nuovo caso a Vittoria, una persona proveniente dalla Bulgaria che si aggiunge a due persone rientrate da Londra e dalla Florida. Due cittadini del Bangladesh sono in isolamento a Ragusa, un terzo componente della famiglia è ricoverato al San Marco di Catania.

Un marittimo rumeno sbarcato è ricoverato al Covid hospital di Ragusa Ibla. Una signora albanese rimane ricoverata nel reparto di malattie infettive dell’ospedale ‘Maria Paternò Arezzo’; il figlio è risultato negativo al tampone.

Salgono a 54 i positivi nel Ragusano, tra questi anche i 41 migranti accolti negli hotspot di Pozzallo e di contrada Cifali.

 

© Riproduzione Riservata
Tag:
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

“È arrivato Zampanò!”

Non posso non constatare che da qualche anno si è dichiarato guerra alla strada. Io sono cresciuto per strada, ho giocato sui marciapiedi, e a pallone per strada perché di certo non sapevo che cosa fosse un campo in erba...
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Mafia e antimafia

Dovendo parlare di mafia ed antimafia non si può non andare con la mente al 10 gennaio 1987 allorquando Leonardo Sciascia rilasciò una intervista al Corriere della Sera parlando di professionisti dell’antimafia
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.