Coronavirus, in cento arrivati in treno dalla Lombardia: "Tranquilli, siamo stati attenti" | VIDEO INTERVISTE :ilSicilia.it

E c'è chi dice addirittura che il covid-19 è un'invenzione

Coronavirus, in cento arrivati in treno dalla Lombardia: “Tranquilli, siamo stati attenti” | VIDEO INTERVISTE

di
14 Marzo 2020

GUARDA IL VIDEO IN ALTO CON LE INTERVISTE

In cento sono arrivati oggi pomeriggio con il treno partito da Milano e diretto in Sicilia. Una volta a Messina le persone provenienti dal Nord Italia hanno presentato autocertificazione. Nella città dello Stretto, infatti,  sono state intercettate dalla protezione civile e dai sanitari dell’Asp.

A tutti è stata misurata la temperatura con il termoscanner. Tre di loro – come comunicato dal sindaco messinese Cateno De Luca – sarebbero casi sospetti. Dei cento, in ventuno sono arrivati a Palermo, gli altri sono rimasti a Messina o hanno continuato per Siracusa.

Alla Polfer non sono arrivate notizie drammatiche in merito allo stato di salute dei passeggeri. A chi è arrivato a Palermo, come anche nelle altre città siciliane, è stato chiesto – in linea con le disposizioni varate dal governo Musumeci – di porsi in autoquarantena. Impossibile sapere se le indicazioni saranno rispettate.

Fra chi è arrivato c’è chi dice che rispetterà le indicazioni della Regione, ma c’è anche chi dice che non si sottoporrà a nessuna restrizione, perchè “il virus è un’invenzione“.

© Riproduzione Riservata
Tag:

‘La caduta, eventi e protagonisti in Sicilia: 1972-1994’: l’analisi di Calogero Pumilia

Calogero Pumilia, per oltre vent’anni deputato democristiano, nel suo “La Caduta. Eventi e protagonisti in Sicilia 1972-1994“, in libreria in questi giorni, ci offre un contributo in questo senso regalandoci una lettura dal di dentro che consente di farci scoprire come molte leggende metropolitane, spacciate per verità storica, debbano essere riviste.
Blog
di Giovanna Di Marco

Lidliota. E non è un romanzo

Ora mi chiedo come ci siamo ridotti se davvero su internet vanno a ruba le scarpe vendute alla Lidl a prezzi esorbitanti, perché pare che
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin