Coronavirus: "In Sicilia arrivi di massa per colpa degli annunci di Conte" :ilSicilia.it

Lo ha detto Gabriella Giammanco (FI)

Coronavirus: “In Sicilia arrivi di massa per colpa degli annunci di Conte”

24 Marzo 2020

“La Sicilia continua a subire arrivi di massa a causa della sindrome da annuncite acuta del Presidente del Consiglio Giuseppe Conte che evidentemente, anche mal consigliato, non considera le conseguenze di una comunicazione che genera confusione e perciò reazioni difficili da gestire”.

Lo ha detto ieri Gabriella Giammanco, Vicepresidente di Forza Italia in Senato e portavoce azzurra in Sicilia.

“Non si capisce perché il Presidente Conte si ostini ad annunciare la sera da Facebook decreti che non sono ancora esecutivi, che lo diventano solo giorni dopo e che possono provocare, così come è accaduto, esodi di massa. È successo anche sabato sera, per l’ultimo decreto entrato in vigore oggi e che in parte si sovrapponeva all’ordinanza dei ministri Speranza e Lamorgese che invece, già da ieri, impediva spostamenti da una città all’altra se non per motivi di salute o di lavoro. Risultato? La gente è scappata di nuovo da Nord a Sud, ieri sera ci sono stati centinaia di sbarchi a Messina e in Sicilia è aumentato il rischio che il contagio si propaghi con effetti, purtroppo, prevedibili.

La Questura, a causa dell’imperizia del Governo, nel gran caos generato da una comunicazione fantozziana, ha effettuato i controlli sulla base di regole meno restrittive di quelle in vigore oggi e i siciliani sono sempre più a rischio. Bene fa il sindaco di Messina, Cateno De Luca, a tenere il punto per salvaguardare il nostro territorio. Oggi più che mai serve l’intervento dell’esercito a tutela della salute pubblica della nostra Regione. Il Governo adotti misure efficaci a contrastare questo maledetto virus e solo dopo pensi a comunicare, in modo intelligente però”, conclude Giammanco.

Tag:
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Io guardo e rido, in questo momento

Io credevo che il vecchio mondo, i grandi popoli stessi avrebbero condiviso la loro parte migliore per far nascere una Europa grande unica e coesa che desse il meglio di sé stessa e invece alle prime difficoltà serie, abbandonati codici e decimetri, son venute fuori le profonde differenze e gli egoismi.
Come se fosse Antani
di Giovanna Di Marco

“Calati juncu, ca passa la china”

Al famoso termine‘resilienza’, oggi abusato ben oltre il campo d’indagine della psicologia, perché fa trendy ed è dunque omologato e omologante, voglio opporre un proverbio siciliano: “Calati juncu, ca passa la china”, ovvero “Giunco, piegati per fare passare la piena del fiume”
Sanità in Sicilia
di Salvatore Corrao

Covid 19: cosa è bene sapere

Tutti e tre questi virus hanno come serbatoio animale i pipistrelli. Il passaggio delle infezioni virali da animale a uomo sono molto rare ma nel caso dei coronavirus sopra riportati il virus è riuscito a passare nell’essere umano e si è diffuso da persona a persona