Coronavirus, la Lega: "Blocco immediato degli accessi in Sicilia" :ilSicilia.it

Lo chiede il segretario regionale Candiani

Coronavirus, la Lega: “Blocco immediato degli accessi in Sicilia”

di
23 Marzo 2020

 

“A partire da stasera non si devono più vedere scene di traghetti pieni con persone che tornano in Sicilia senza averne titolo, nonostante i divieti. Facciamo appello al Presidente Nello Musumeci“.

Stefano CandianiLo dichiara Stefano Candiani senatore leghista e segretario regionale della Lega in Sicilia, che prosegue: “La Sicilia ha bisogno di garanzie da parte della Protezione civile e dalla Regione: subito controlli serrati e intransigenti. È anche imprescindibile e urgente la distribuzione dei dispositivi di protezione prioritariamente ai sanitari e alle forze dell’ordine che ne sono sprovvisti. Ci sono molte aziende siciliane che già producono mascherine ma manca il via libera dell’Istituto superiore della sanità quindi bisogna velocizzare le procedure di autorizzazione e pretendere il rispetto della legge prima che sia troppo tardi. Per questo lanciamo un appello a Musumeci, non abbia esitazioni ed applichi fino in fondo i poteri che gli derivano dallo Statuto. Se serve, e serve utilizzando anche il corpo forestale regionale, in collaborazione con le altre forze di polizia, per bloccare gli accessi anche nelle grandi città”.

Mentre Fabio Cantarella, assessore della Lega a Catania e responsabile enti locali è molto preoccupato e denuncia “a noi nei comuni mancano i presidi minimi di sicurezza. Gli operatori ecologici vogliono scioperare bloccando i servizi essenziali di smaltimento rifiuti perché non possono lavorare in sicurezza per mancanza di mezzi e informazioni. Ricordo che lavorano anche con i rifiuti di persone malate o potenzialmente malate senza saperlo”.

Per il Sindaco di Furci, Matteo Francilia “i sindaci devono essere coinvolti. Siamo noi in prima linea nella garanzia della salute per le nostre Comunità, è chiaro che lavoriamo nel rispetto della privacy ma senza informazioni non possiamo agire e questo è inaccettabile”.

Per il capogruppo della Lega in comune a Palermo Igor Gelarda “non possiamo limitarci agli appelli, è il momento dell’azione perché oggi è già troppo tardi. Scene come quelle di ieri degli sbarchi dalla Calabria sono intollerabili. Non possiamo mettere in pericolo i siciliani ma dobbiamo difenderli il nostro Statuto garantisce poteri al governatore Musumeci non aspetti ad utilizzarli”.

 

© Riproduzione Riservata
Tag:

Fenomeno serie tv

di Michele Lombardo

Serie Tv Medical Drama: Emozioni in corsia

Di serie tv Medical Drama ( serie tv ambientate in ospedale) ne sono state realizzate moltissime; soprattutto in questi ultimi anni, alcune  hanno riscosso un tale successo che i protagonisti sono diventati i medici o gli infermieri che tutti noi vorremmo incontrare

Blog

di Renzo Botindari

E se fosse colpa del “mal bianco”?

La nostra città è come una bella pianta ammalata e piena del “mal bianco”, un grosso parassita che tarpa qualunque fioritura e che non permette ai fiori di schiudersi.

In Primis la Sicilia

di Maurizio Scaglione

Covid 19… per un nemico in più

Era il 1982, Riccardo Cocciante pubblicava il suo album ”Cocciante” e la canzone di successo fu “Per un amico in più”. In questa canzone il grande Riccardo ci descrive cosa non si fa per un amico in più.

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Classe dominante estrattiva

Nel mio ultimo saggio intitolato il lupo e l’agnello, pubblicato da Rubbettino, nelle librerie dal 1 luglio, tra i motivi del mancato sviluppo del Sud metto in evidenza quello della presenza di una classe dominante estrattiva

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.
Banner Italpress

Segreti e non misteri

di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin