Coronavirus, la procura chiede al Gip oltre 50 decreti penali di condanna :ilSicilia.it
Palermo

LA DECISIONE DI FRANCESCO LO VOI

Coronavirus, la procura chiede al Gip oltre 50 decreti penali di condanna

di
24 Marzo 2020

La Procura di Palermo chiede al gip una cinquantina di decreti penali di condanna nei confronti di coloro che hanno violato le norme imposte per il contenimento del coronavirus.

I magistrati contestano l’illecito previsto dall’articolo 260 del Testo Unico delle leggi sanitarie che punisce chi non osserva un ordine “legalmente dato per impedire l’invasione o la diffusione di una malattia infettiva“.

Il Procuratore ha diramato una circolare alle forze dell’ordine per dare le indicazioni sulle norme da applicare. Così, oltre alla denuncia di chi viene sorpreso per strada senza un giustificato motivo, Francesco Lo Voi ordina anche di procedere al sequestro dei mezzi a bordo dei quali si viene trovati.

© Riproduzione Riservata
Tag:
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Cosa succederà dopo Orlando?

Un articolo di Maurizio Zoppi per IlSicilia.it ha sollevato un problema molto importante per la città di Palermo. Chi sarà il successore di Orlando e, soprattutto, che succederà dopo Orlando?
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Mafia e antimafia

Dovendo parlare di mafia ed antimafia non si può non andare con la mente al 10 gennaio 1987 allorquando Leonardo Sciascia rilasciò una intervista al Corriere della Sera parlando di professionisti dell’antimafia
Wanted
di Ludovico Gippetto

L’archeologia del “Do not cross” come tutela

Rubare nei siti archeologici è gravissimo. Un argomento molto caro all’archeologo Sebastiano Tusa, fermo sostenitore del principio del "Do not cross". Dove gli oggetti antichi vanno guardati ma non decontestualizzati rispetto all’ambiente di provenienza.
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.