Coronavirus: "la Regione esclude i bancari e i postali dai test sierologici" :ilSicilia.it

per l'associazione "ImpresSe" è inaccettabile

Coronavirus: “la Regione esclude i bancari e i postali dai test sierologici”

di
18 Aprile 2020

“Non possiamo fare a meno che raccogliere le lamentele degli operatori di settore e conseguentemente rilevare analizzando la nuova disposizione della Regione Sicilia in materia di screening epidemiologico del 16 aprile l’esclusione della categoria dei lavoratori bancari e postali, appare una palese contraddizione a poche ore dall’avvio dei nuovi finanziamenti fino a 25.000 euro garantiti dallo Stato attraverso il Fondo centrale”.

Lo dichiarano congiuntamente Francesco Panasci Presidente dell’Associazione ImpresSe e Filippo Virzì, Responsabile della Comunicazione.

“I test sierologi e/o quantitativi vanno estesi anche ai lavoratori impegnati negli istituti bancari e postali non ci spieghiamo come un’intera categoria di lavoratori in trincea nelle filiali e negli uffici postali sovraesposta al contagio da virus Covid-19 i quali assicurano un servizio definito pubblico essenziale, non siano stati considerati, è inaccettabile. Auspichiamo – concludono Panasci e Virzì –  un pronto ripensamento da parte dell’Assessore regionale alla Sanità Razza e una levata di scudi da parte dei corpi intermedi”.

© Riproduzione Riservata
Tag:
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Cosa succederà dopo Orlando?

Un articolo di Maurizio Zoppi per IlSicilia.it ha sollevato un problema molto importante per la città di Palermo. Chi sarà il successore di Orlando e, soprattutto, che succederà dopo Orlando?
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Mafia e antimafia

Dovendo parlare di mafia ed antimafia non si può non andare con la mente al 10 gennaio 1987 allorquando Leonardo Sciascia rilasciò una intervista al Corriere della Sera parlando di professionisti dell’antimafia
Wanted
di Ludovico Gippetto

L’archeologia del “Do not cross” come tutela

Rubare nei siti archeologici è gravissimo. Un argomento molto caro all’archeologo Sebastiano Tusa, fermo sostenitore del principio del "Do not cross". Dove gli oggetti antichi vanno guardati ma non decontestualizzati rispetto all’ambiente di provenienza.
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.