Coronavirus, la Regione siciliana istituisce una cabina di regia :ilSicilia.it

Firmato il decreto

Coronavirus, la Regione siciliana istituisce una cabina di regia

di
13 Marzo 2020

Una cabina di regia per il contrasto del coronavirus in Sicilia.

La Regione Siciliana istituisce un organo che collaborerà con il “soggetto attuatore” (l’Assessorato regionale alla Sanità), allo scopo di adottare tutti gli atti di esecuzione degli indirizzi di programmazione sanitaria e di osservazione epidemiologica individuati dall’assessore per la Salute. A coordinare la struttura sarà l’ex direttore generale dell’Asp di Palermo Antonino Candela.

Viene istituito anche, nell’ambito della Struttura Sanitaria di Supporto, con funzioni consultive e di validazione tecnico-scientifica, un comitato scientifico. Ne fanno parte Luigi Aprea (Igiene e Sanità Pubblica); Bruno Cacopardo (Malattie Infettive e Tropicali); Salvatore Corrao (Medicina Interna); Francesco Dieli (Immunologia); Agostino Massimo Geraci (Medicina e Chirurgia di Accettazione e Urgenza); Antonio Giarratano (Rianimazione e Terapia Intensiva); Gioé Santi Mauro (Rianimazione e Terapia Intensiva); Cristoforo Pomara (Medicina Legale); Nicola Scichilone (Pneumologia); Stefania Stefani (Microbiologia) e Francesco Vitale (Virologia).

© Riproduzione Riservata
Tag:
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Mafia e antimafia

Dovendo parlare di mafia ed antimafia non si può non andare con la mente al 10 gennaio 1987 allorquando Leonardo Sciascia rilasciò una intervista al Corriere della Sera parlando di professionisti dell’antimafia
Wanted
di Ludovico Gippetto

L’archeologia del “Do not cross” come tutela

Rubare nei siti archeologici è gravissimo. Un argomento molto caro all’archeologo Sebastiano Tusa, fermo sostenitore del principio del "Do not cross". Dove gli oggetti antichi vanno guardati ma non decontestualizzati rispetto all’ambiente di provenienza.
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.