Coronavirus, la Sicilia dice sì ai test sierologici: "Più facile trovare gli asintomatici" :ilSicilia.it

la novità

Coronavirus, la Sicilia dice sì ai test sierologici: “Più facile trovare gli asintomatici”

3 Aprile 2020

In Sicilia, dove l’epidemia da Coronavirus è contenuta a eccezione per alcuni focolai, è possibile effettuare studi di siero prevalenza e siero conversione. Lo rileva il Comitato tecnico scientifico per l’emergenza Covid-19 nell’Isola, in un parere trasmesso all’assessorato regionale della Salute sull’utilizzo dei test rapidi e dei test sierologici. Esami questi ultimi già iniziati in alcuni regioni come l’Emilia-Romagna.

Secondo gli esperti “ci sono sufficienti evidenze scientifiche che sorreggono la validità e l’utilità di questi test rapidi in ausilio alla sierologia classica e ai tamponi rinofaringei“. I componenti del Comitato, facendo esplicito riferimento agli asintomatici, rilevano in particolare che “in questi soggetti – si legge nel parere – andrà eseguito il test rapido con card come prima scelta. Se sia le IgM (immunoglobuline M) che le IgG (immunoglobuline G) risulteranno negative e il soggetto è a basso rischio allora può essere considerato non infetto, con sufficienti probabilità logiche e scientifiche“.

Un parere che fa bene sperare e che arriva a poche ore dall’annuncio, da parte dei ricercatori dell’Università di Pittsburgh partner con l’Ismett, di un “vaccino-cerotto“. Potrebbe bastare quindi una semplice analisi del sangue per capire se l’organismo ha gli anticorpi per fronteggiare il virus. Al netto delle differenze tra i vari test in fase di validazione, si tratta di accertamenti più rapidi ed economici rispetto ai tamponi e che richiedono minori norme di sicurezza per chi li effettua perchè il campione da analizzare non prevede il maneggiamento di materiale infetto da virus in forma attiva. La comunità scientifica è però ancora divisa, c’è infatti chi sottolinea anche i limiti di questa metodologia come l’attendibilità che non raggiunge il 100% e il fatto che rimangono test esclusivamente qualitativi. Il risultato quindi non è espresso in valori numerici ma semplicemente come positività o negatività.

© Riproduzione Riservata
Tag:
Il cielo di Paz
di Mari Albanese

Lettera di un’adolescente dalla sua quarantena

Oggi la mia rubrica ospita una lettera molto intensa scritta da un’adolescente che ci narra i suoi giorni di quarantena. Osservare la vita attraverso i social e distanti dagli affetti più importanti per i giovanissimi è stato molto faticoso. Possono i libri aiutare a lenire la solitudine?
Wanted
di Ludovico Gippetto

L’archeologia del “Do not cross” come tutela

Rubare nei siti archeologici è gravissimo. Un argomento molto caro all’archeologo Sebastiano Tusa, fermo sostenitore del principio del "Do not cross". Dove gli oggetti antichi vanno guardati ma non decontestualizzati rispetto all’ambiente di provenienza.
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.