Coronavirus, l'allarme del Cimo: "Corsi sanitari senza mascherine" :ilSicilia.it
Palermo

LA DENUNCIA DEL SINDACATO DEI MEDICI

Coronavirus, l’allarme del Cimo: “Corsi sanitari senza mascherine”

di
7 Marzo 2020

Angelo Collodoro, vice segretario regionale del Cimo, sindacato dei dirigenti medici, denuncia la mancanza dei dispositivi individuali di protezione nello svolgimento dei corsi per fronteggiare l’emergenza coronavirus.

Mancanza di dispositivi di protezione per il personale sanitario come mascherine e guanti e tute, a fronte dei corsi che si stanno tenendo nelle aziende e negli ospedali per spiegare il loro utilizzo senza averne in dotazione; squilibrio dei posti di isolamento di malattie infettive tra Catania che ne dispone di 36 e Palermo, che ne ha 8, a fronte di una popolazione maggiore, con la conseguenza che si utilizzano posti di terapia intensiva in rianimazione. Due soli posti di terapia intensiva in isolamento a Palermo”.

“Numerosi professionisti hanno provveduto, a proprie spese, all’acquisto di guanti, mascherine e tute per poter garantire la propria sicurezza e la sicurezza dei propri pazienti. E’ ancor più sconfortante l’assenza di posti letto di isolamento a pressione negativa nelle terapie intensive della nostra regione – aggiunge Collodoro – che sono meno di dieci“.

Non è giustificabile, inoltre, la mancata attuazione di percorsi assistenziali pediatrici differenziati come accade all’ospedale “Cervello” di Palermo, dotato di un pronto soccorso pediatrico e privo di tensostruttura pediatrica. Ciò causa la commistione tra bambini e adulti. Infine, assistiamo nella maggior parte degli ospedali della provincia di Palermo, ad una regolare attività ambulatoriale alla quale accedono liberamente i pazienti senza essere sottoposti ai dovuti controlli“, chiosa il vice segretario del Cimo.

© Riproduzione Riservata
Tag:
Come se fosse Antani
di Giovanna Di Marco

La ddraunàra: i racconti di Silvana Grasso

È disponibile dal 16 luglio La ddraunàra, la raccolta di racconti di Silvana Grasso, a cura di Gandolfo Cascio ed edita da Marsilio che ripubblica così due opere, Nebbie di ddraunàra (Le Tartarughe 1993) e Pazza è la luna (Einaudi 2007).
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Zio Mariano era Stabile

Lui era di poche parole e ogni sua frase era una sentenza. Le persiane della sua finestra a balcone sono chiuse e sotto c’è soltanto un via vai di gente che si affanna per farsi notare.

I giannizzeri

A partire soprattutto dal 1850, il controllo del territorio in Sicilia diviene sempre più arduo per la gendarmeria borbonica. Gruppi armati dediti al malaffare, bande e banditi, nonostante l’inasprimento delle pene – il ricorso all’esecuzione diretta era prassi ordinaria - percorrevano senza molti contrasti le campagne siciliane e rendevano difficile garantire la sicurezza.
. Rosso & Nero .
di Elio Sanfilippo

Palermo fa acqua da tutte le parti, Orlando cambi tutto o si dimetta

I cittadini sono sommersi dall'immondizia, intere zone trasformate in discariche, lavori stradali che non finiscono mai, servizi pubblici che non funzionano, fino allo scandalo dei cimiteri dove non si capisce perché non si sono avviate le procedure per la costruzione del nuovo cimitero previsto dal piano regolatore.
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Mafia e antimafia

Dovendo parlare di mafia ed antimafia non si può non andare con la mente al 10 gennaio 1987 allorquando Leonardo Sciascia rilasciò una intervista al Corriere della Sera parlando di professionisti dell’antimafia
Wanted
di Ludovico Gippetto

L’archeologia del “Do not cross” come tutela

Rubare nei siti archeologici è gravissimo. Un argomento molto caro all’archeologo Sebastiano Tusa, fermo sostenitore del principio del "Do not cross". Dove gli oggetti antichi vanno guardati ma non decontestualizzati rispetto all’ambiente di provenienza.
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.