Coronavirus, l'assessore Razza: "Non si registrano casi in Sicilia" :ilSicilia.it

Dichiarazioni positive per la Regione

Coronavirus, l’assessore Razza: “Non si registrano casi in Sicilia”

28 Gennaio 2020

Nessun caso di Coronavirus in Sicilia. La conferma arriva dall’assessore regionale alla Salute Ruggero Razza.

Ad oggi in Sicilia – dichiara l’assessore – non si registrano casi, nemmeno sospetti, riconducibili al Coronavirus”.

“L’Assessorato della Salute – puntualizza – ha già predisposto un piano che coinvolge le Aziende del SSR, il 118 ed i medici di medicina generale attraverso una procedura dedicata che in caso di necessità verrebbe immediatamente attivata”.

 “Desidero, infine, –  conclude Razza – rivolgere un appello agli operatori dell’informazione affinché continuino ad agire con scrupolo e rigore nella gestione delle notizie collegate a questa vicenda: un caso sospetto si può certamente controllare, il panico no“.

Il bilancio delle vittime in Cina è salito a 106 mentre le persone contagiate sono più di quattromila.

Il primo caso in Europa si è manifestato in Germania. Il paziente, che non è mai stato in Cina,  è stato posto sotto controllo medico e in isolamento.

Gianni Rebecchi, presidente di Assoviaggi confesercenti ha consigliato di “evitare i viaggi fai da te e rivolgersi a operatori professionali che sono direttamente in contatto sia con gli operatori locali sia con gli uffici della Farnesina“.

Auspichiamo – conclude il presidente – che non ci siano episodi di contagio che coinvolgano l’Italia e che non vengano diffuse notizie false e allarmistiche sulla diffusione del virus, questo potrebbe determinare un calo dei flussi turistici verso l’Italia, soprattutto dai Paesi Extra Ue

 

VEDI ANCHE

Coronavirus, un numero verde per tutte le informazioni: ecco cosa fare

Tag:
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Io guardo e rido, in questo momento

Io credevo che il vecchio mondo, i grandi popoli stessi avrebbero condiviso la loro parte migliore per far nascere una Europa grande unica e coesa che desse il meglio di sé stessa e invece alle prime difficoltà serie, abbandonati codici e decimetri, son venute fuori le profonde differenze e gli egoismi.
Come se fosse Antani
di Giovanna Di Marco

“Calati juncu, ca passa la china”

Al famoso termine‘resilienza’, oggi abusato ben oltre il campo d’indagine della psicologia, perché fa trendy ed è dunque omologato e omologante, voglio opporre un proverbio siciliano: “Calati juncu, ca passa la china”, ovvero “Giunco, piegati per fare passare la piena del fiume”
Sanità in Sicilia
di Salvatore Corrao

Covid 19: cosa è bene sapere

Tutti e tre questi virus hanno come serbatoio animale i pipistrelli. Il passaggio delle infezioni virali da animale a uomo sono molto rare ma nel caso dei coronavirus sopra riportati il virus è riuscito a passare nell’essere umano e si è diffuso da persona a persona