Coronavirus, le domande più frequenti: le risposte del Ministero della Salute :ilSicilia.it

FAQ

Coronavirus, le domande più frequenti: le risposte del Ministero della Salute

di
29 Ottobre 2020

L’emergenza Coronavirus ha ormai cambiato radicalmente la nostra quotidianità, portando ogni singolo cittadino a interrogarsi su molti fronti, anche su azioni e abitudini che prima, in tempi non sospetti, mettevamo in atto senza non troppi problemi. Nonostante le tantissime informazioni a cui attingiamo ogni giorno, capita spesso di avere numerosi dubbi e perplessità rispetto le norme da seguire o su quali siano gli iter previsti per non incorrere nel contagio (cosa di primaria importanza) o in spiacevoli sanzioni. Molto spesso inoltre ci accorgiamo che avremmo bisogno di sapere più correttamente le definizioni o le distinzioni su approcci, sintomi e cure.  A questo proposito possiamo trovare tutte le risposte ufficiali del governo sul sito del Ministero della Salute

Ecco le risposte ad alcune delle domande più frequenti che possiamo trovare nell’area dedicata alle FAQ

Quali sono i test attualmente disponibili per rilevare l’infezione da SARS-CoV-2?

Attualmente sono disponibili i seguenti test:

test molecolari che evidenziano la presenza di materiale genetico (RNA) del virus
test antigenici che evidenziano la presenza di componenti (antigeni) del virus
test sierologici tradizionali o rapidi che evidenziano la presenza di anticorpi contro il virus.

Quale è il test attualmente più affidabile per la diagnosi di infezione da coronavirus?
È il test molecolare quello attualmente più affidabile per la diagnosi di infezione da coronavirus. Viene eseguito su un campione prelevato con un tampone a livello naso/oro-faringeo, e quindi analizzato attraverso metodi molecolari di real-time RT-PCR (Reverse Transcription-Polymerase Chain Reaction). L’analisi può essere effettuata solo presso laboratori, altamente specializzati, di riferimento regionali e laboratori aggiuntivi individuati dalle Regioni secondo le modalità e le procedure concordate con il Laboratorio di Riferimento Nazionale dell’Istituto Superiore di Sanità. Il test richiede in media dalle due alle sei ore dal momento in cui il campione viene avviato alla processazione in laboratorio.

I test sierologici (tradizionali o rapidi) possono sostituire il test molecolare?

I test sierologici non possono, allo stato attuale dell’evoluzione tecnologica, sostituire il test molecolare basato sull’identificazione di RNA virale dai tamponi nasofaringei, secondo i protocolli indicati dall’OMS.

I test tradizionali o rapidi (test eseguiti su sangue capillare) evidenziano la presenza di anticorpi contro il virus e rilevano l’avvenuta esposizione al virus e, solo in alcuni casi, sono in grado di rilevare la presenza di un’infezione in atto (individui con malattia lieve o moderata i cui sintomi siano iniziati almeno una settimana prima).

I test sierologici sono utili nella ricerca e nella valutazione epidemiologica della circolazione virale in quanto sono uno strumento importante per stimare la diffusione dell’infezione in una comunità. I metodi sierologici possono essere utili anche per l’identificazione dell’infezione da SARS-CoV-2 in individui asintomatici o con sintomatologia lieve o moderata che si presentino tardi alla osservazione clinica.

Anche noi vogliamo contribuire a dare delle risposte alle vostre domande, attraverso gli esperti del settore sanitario Siciliano. Mandateci le vostre domande, le vostre perplessità e dubbi legati all’emergenza Coronavirus in Sicilia o generalmente legati alla vista di tutti i giorni alla nostra e-mail di redazione, redazione@ilsicilia.it e redazione@sanitainsicilia.it, e noi cercheremo di fornirvi in breve tempo delle risposte affidabili.

© Riproduzione Riservata
Tag:

‘La caduta, eventi e protagonisti in Sicilia: 1972-1994’: l’analisi di Calogero Pumilia

Calogero Pumilia, per oltre vent’anni deputato democristiano, nel suo “La Caduta. Eventi e protagonisti in Sicilia 1972-1994“, in libreria in questi giorni, ci offre un contributo in questo senso regalandoci una lettura dal di dentro che consente di farci scoprire come molte leggende metropolitane, spacciate per verità storica, debbano essere riviste.
Blog
di Giovanna Di Marco

Lidliota. E non è un romanzo

Ora mi chiedo come ci siamo ridotti se davvero su internet vanno a ruba le scarpe vendute alla Lidl a prezzi esorbitanti, perché pare che
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin