Coronavirus : le proposte di Assoconfidi per iniezioni di liquidità alle imprese :ilSicilia.it

a sostegno delle pmi siciliane

Coronavirus : le proposte di Assoconfidi per iniezioni di liquidità alle imprese

di
5 Aprile 2020

L’emergenza Covid-19 sta affiancando al dramma socio-sanitario quello economico che coinvolge le Pmi siciliane, a rischio chiusura. Diversi gli interventi che, a livello nazionale e regionale, si stanno mettendo in campo, ma per Assoconfidi Sicilia, l’associazione dei consorzi fidi dell’Isola, occorre immettere liquidità direttamente nelle casse delle aziende, grazie anche alle deroghe ai vincoli di stabilità che l’Ue ha decretato.

Le proposte avanzate all’assessorato regionale dell’Economia e ad Irfis si prefiggono l’obiettivo di favorire, grazie anche alla garanzia e all’attività di assistenza tecnica dei confidi, finanziamenti agevolati alle imprese siciliane a tasso zero e concessi da bancheintermediari finanziari vigilati da Banca d’Italia e dagli enti finanziari strumentali della Regione (IrfisIrcacCrias). Ciò per via dei fondi pubblici di cui dispone la Regione, a cominciare dai fondi europei in rientro, dal “Fondo Sicilia” di 87 milioni istituito lo scorso giugno presso Irfis e dai 100 milioni di euro che l’assessorato vorrebbe conferire al Fondo Centrale di Garanzia. Questo primo progetto è stato chiamato “Fondo Credito Sicilia” e verrebbe alimentato con 200 milioni di euro in modo da erogare, si stima, 1.000 finanziamenti per ogni 20 milioni di euro, considerando pari a 20mila euro l’importo medio di ciascun finanziamento.

All’ipotesi del “Fondo Credito Sicilia”, al vaglio dell’assessorato regionale, sono state elaborate tre ulteriori proposte a valere sul citato “Fondo Sicilia” di 87 milioni istituito presso Irfis. In particolare, a seguito della autorizzazione, a valere sul “Fondo Sicilia”, della Misura Straordinaria di Liquidità (MLS) attraverso i decreti assessoriali del 23 marzo e dell’1 aprile, si vorrebbe concedere un ulteriore contributo a fondo perduto sui finanziamenti alle imprese con sede in Sicilia da parte di banche e intermediari finanziari ex art. 106 T.U.B., assistiti da garanzia all’80% dei confidi riconosciuti dalla Regione Siciliana. Il contributo sarebbe pari al 3% del finanziamento erogato e sino a un massimo di 3.000 euro per singola impresa beneficiaria. Ciò passerebbe dalla modifica della convenzione stipulata proprio tra Irfis e Assoconfidi Sicilia dello scorso 19 dicembre.

La seconda proposta, sempre a valere sul “Fondo Sicilia”, andrebbe ancora oltre prevedendo finanziamenti diretti per un importo massimo concedibile pari al 25% del fatturato secondo l’ultimo dato ufficiale e, in ogni caso, non oltre la soglia di 50.000 euro. In particolare, ciò avrebbe come destinatari aziende di qualsiasi settore operanti in Sicilia, con rating Crif fino a 10 o Cerved fino a 9, classificate “in bonis” e con assenza di pregiudizievoli. Si tratterebbe, quindi, di aziende vagliate, secondo criteri oggettivi, già dai confidi e, dunque, affidabili e pronte per ricevere il finanziamento da erogare entro 15 giorni lavorativi.

Rosario Carlino
Rosario Carlino

La terza proposta, infine, nella logica dei fondi rotativi, vedrebbe in campo direttamente i confidi assegnando ai due unici vigilati 106 siciliani, soci di Assoconfidi, la gestione di due lotti da 10 milioni di euro in rete con i confidi 112associati di Assoconfidi, per erogazione e liquidità immediata per tagli di finanziamenti medi di 20.000 euro.

«L’intervento dei confidi – dichiara Rosario Carlino, presidente di Assoconfidi Sicilia – permetterebbe un considerevole sgravio di analisi, favorendo la semplificazione delle procedure tradizionalmente previste, in modo da contingentare i tempi. Qui il valore aggiunto della proposta, perché alle imprese siciliane servono soldi e tempi rapidi. In questo momento di grave crisi, tra drammi umani e problemi mai affrontati prima, le nostre aziende necessitano della liquidità che possa compensare l’assenza di ricavi attraverso un accesso al credito sicuro e facilitato. Le nostre proposte mirano proprio a questo, attraverso i fondi pubblici di cui la Regione dispone e grazie all’attenzione che l’assessore Armao e la stessa Irfis stanno mostrando». 

© Riproduzione Riservata
Tag:
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Il Gatto Obeso e le ZTL

Il gatto obeso e sazio non avrà mai stimoli a sforzarsi per andare a cercare i topi. Quindi non ho aspettative da “nuovi soldati”, sono siciliano e vivo a Palermo e dietro a nuovi volti mi farò la domanda più importante: “a cu appartieni?”
Come se fosse Antani
di Giovanna Di Marco

La ddraunàra: i racconti di Silvana Grasso

È disponibile dal 16 luglio La ddraunàra, la raccolta di racconti di Silvana Grasso, a cura di Gandolfo Cascio ed edita da Marsilio che ripubblica così due opere, Nebbie di ddraunàra (Le Tartarughe 1993) e Pazza è la luna (Einaudi 2007).

I giannizzeri

A partire soprattutto dal 1850, il controllo del territorio in Sicilia diviene sempre più arduo per la gendarmeria borbonica. Gruppi armati dediti al malaffare, bande e banditi, nonostante l’inasprimento delle pene – il ricorso all’esecuzione diretta era prassi ordinaria - percorrevano senza molti contrasti le campagne siciliane e rendevano difficile garantire la sicurezza.
. Rosso & Nero .
di Elio Sanfilippo

Palermo fa acqua da tutte le parti, Orlando cambi tutto o si dimetta

I cittadini sono sommersi dall'immondizia, intere zone trasformate in discariche, lavori stradali che non finiscono mai, servizi pubblici che non funzionano, fino allo scandalo dei cimiteri dove non si capisce perché non si sono avviate le procedure per la costruzione del nuovo cimitero previsto dal piano regolatore.
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Mafia e antimafia

Dovendo parlare di mafia ed antimafia non si può non andare con la mente al 10 gennaio 1987 allorquando Leonardo Sciascia rilasciò una intervista al Corriere della Sera parlando di professionisti dell’antimafia
Wanted
di Ludovico Gippetto

L’archeologia del “Do not cross” come tutela

Rubare nei siti archeologici è gravissimo. Un argomento molto caro all’archeologo Sebastiano Tusa, fermo sostenitore del principio del "Do not cross". Dove gli oggetti antichi vanno guardati ma non decontestualizzati rispetto all’ambiente di provenienza.
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.