Coronavirus, l'emergenza ci insegni a rifondare il concetto di società e di stato sociale | ilSicilia.it :ilSicilia.it

l'intervento

Coronavirus, l’emergenza ci insegni a rifondare il concetto di società e di stato sociale

di
30 Marzo 2020

Riceviamo e volentieri pubblichiamo questo interessante articolo del professor Piero Longo, poeta, critico teatrale, critico e storico dell’arte, nonché presidente de “Gli Amici del Teatro Biondo” e presidente onorario di “Italia Nostra Palermo”.

*****

Piero Longo
Piero Longo

Bisogna avere il coraggio di ammettere che in tutto il Sud povertà e lavoro nero esistono perché il problema meridionale non è stato mai risolto a livello politico sul piano economico- sociale. Si aggiunga a tutto questo la mafia e le sue varie ramificazioni.

Domenica nella trasmissione di Lucia Annunziata il sindaco di Palermo Leoluca Orlando ha coraggiosamente posto questo tema e certo non ha avuto il tempo di chiarire bene che cosa sia successo a proposito degli assalti ai supermercati ma ha ammesso con chiarezza che povertà e disoccupazione sono una realtà.

Il pericolo delle rivolte esiste e la mafia e certi partiti reazionari possono approfittare per innestare il disordine in questo momento particolarmente drammatico per gli strati sociali più deboli. Lo Stato ha il dovere di intervenire e soprattutto prevenire.Non si tratta di aiutare i nullafacenti o i lavoratori in nero ma di dar da mangiare agli affamati. Il nostro sindaco e la Caritas di Palermo fanno quel che possono come pure il Governo centrale. Ho ammirato il professor Zingales che, sul tema della giustizia sociale e delle disuguaglianze ha detto con autorevole consapevolezza critica che sul piano politico-sociale l’ Europa tratta l’Italia come i vari governi italiani hanno trattato da sempre il Sud. Ho affrontato spesso questo delicato problema nella mia pagina Facebook e ho capito che era un argomento spiacevole e controcorrente. Forse in occasione di questa pandemia si sarà più disposti alla riflessione.

Bisogna cambiare tutte le prospettive e riguardare la nostra società ripulendo le lenti del consumismo capitalistico e riconsiderando in senso sociale il concetto di globalizzazione. Non bisogna stimolare la rivoluzione e le guerre economiche ma rifondare il concetto di società e di stato sociale.

© Riproduzione Riservata
Tag:

Se sei donna

di Mila Spicola

Una via per Franca Florio

La vita di Franca Florio, fatta di discese ardite e dure risalite è una grande storia, la fortuna, la sfortuna, la ricchezza, la povertà, la felicità, il dolore, si mischiano in quello che è un romanzo più romanzo di ogni pagina immaginata.

Blog

di Renzo Botindari

Avessimo almeno cercato un cambiamento

L’olio galleggia sull’acqua, ma poi strapazzare il contenitore, spargere in goccioline questo liquido più leggero dell’acqua, ma appena terminato lo stress le varie goccioline convergono nel centro riunificandosi e creando una unica chiazza galleggiante.

Fenomeno serie tv

di Michele Lombardo

Remake e Reboot: un fenomeno in crescita

Non è certo un fenomeno nuovo, ma negli ultimi anni con l'avvento delle piattaforme streaming e il conseguente aumento della produzione di serie tv, i remake e i reboot ( in italiano rifacimento e riavvio) sono diventati molto frequenti. La differenza tra i due termini è sostanziale:

In Primis la Sicilia

di Maurizio Scaglione

Vota e fai votare…. ma pensa con la tua testa

Vi ricordate quando, parliamo anni 60 e 70 , durante il periodo elettorale,  passavano per i quartieri le vecchie Fiat 600 con il megafono montato nel portabagagli sul tetto e gridavano con voce decisa, vota e fai votare Pinuccio Tal dei tali, per il tuo futuro , per il futuro dei tuoi figli, per il lavoro

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Il colpo di mano sull’autonomia differenziata

Subdolamente con un inserimento nella legge di bilancio sta passando l’autonomia differenziata. Si tratta di un collegato alla legge di bilancio fatto passare nella notte che sta riportando il tema dell’autonomia in corsa per essere approvato.

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.