Coronavirus, l'emergenza ci insegni a rifondare il concetto di società e di stato sociale | ilSicilia.it :ilSicilia.it

l'intervento

Coronavirus, l’emergenza ci insegni a rifondare il concetto di società e di stato sociale

di
30 Marzo 2020

Riceviamo e volentieri pubblichiamo questo interessante articolo del professor Piero Longo, poeta, critico teatrale, critico e storico dell’arte, nonché presidente de “Gli Amici del Teatro Biondo” e presidente onorario di “Italia Nostra Palermo”.

*****

Piero Longo
Piero Longo

Bisogna avere il coraggio di ammettere che in tutto il Sud povertà e lavoro nero esistono perché il problema meridionale non è stato mai risolto a livello politico sul piano economico- sociale. Si aggiunga a tutto questo la mafia e le sue varie ramificazioni.

Domenica nella trasmissione di Lucia Annunziata il sindaco di Palermo Leoluca Orlando ha coraggiosamente posto questo tema e certo non ha avuto il tempo di chiarire bene che cosa sia successo a proposito degli assalti ai supermercati ma ha ammesso con chiarezza che povertà e disoccupazione sono una realtà.

Il pericolo delle rivolte esiste e la mafia e certi partiti reazionari possono approfittare per innestare il disordine in questo momento particolarmente drammatico per gli strati sociali più deboli. Lo Stato ha il dovere di intervenire e soprattutto prevenire.Non si tratta di aiutare i nullafacenti o i lavoratori in nero ma di dar da mangiare agli affamati. Il nostro sindaco e la Caritas di Palermo fanno quel che possono come pure il Governo centrale. Ho ammirato il professor Zingales che, sul tema della giustizia sociale e delle disuguaglianze ha detto con autorevole consapevolezza critica che sul piano politico-sociale l’ Europa tratta l’Italia come i vari governi italiani hanno trattato da sempre il Sud. Ho affrontato spesso questo delicato problema nella mia pagina Facebook e ho capito che era un argomento spiacevole e controcorrente. Forse in occasione di questa pandemia si sarà più disposti alla riflessione.

Bisogna cambiare tutte le prospettive e riguardare la nostra società ripulendo le lenti del consumismo capitalistico e riconsiderando in senso sociale il concetto di globalizzazione. Non bisogna stimolare la rivoluzione e le guerre economiche ma rifondare il concetto di società e di stato sociale.

© Riproduzione Riservata
Tag:

Fenomeno serie tv

di Michele Lombardo

“La casa di carta”, da flop a fenomeno planetario

Nel maggio del 2017 in Spagna viene messa in onda per la prima volta la serie tv "La casa de papel" che, dopo un lusinghiero iniziale consenso di pubblico, vede diminuire rapidamente gli ascolti - tanto che al termine della seconda stagione i produttori e di conseguenza il cast ritengono concluso il progetto

La GiombOpinione

di Il Giomba

L’epoca dell’ansia

Accusano i giovani di non buttarsi e di aver sempre più paura: siamo sicuri che sia soltanto colpa loro? Non sempre, infatti, le cose sono come sembrano...

Blog

di Renzo Botindari

Sei sempre tu “uomo del mio tempo”

E si, ci sono periodi e questi sono quelli delle mutazioni genetiche, i più fortunati stanno afferrando le scialuppe di salvataggio e qualcuno ha pure fatto fuoco su gli altri fuggitivi pur di avere un posto, gli altri provano a rifarsi una verginità
Banner Telegram

In Primis la Sicilia

di Maurizio Scaglione

Covid 19… per un nemico in più

Era il 1982, Riccardo Cocciante pubblicava il suo album ”Cocciante” e la canzone di successo fu “Per un amico in più”. In questa canzone il grande Riccardo ci descrive cosa non si fa per un amico in più.

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Classe dominante estrattiva

Nel mio ultimo saggio intitolato il lupo e l’agnello, pubblicato da Rubbettino, nelle librerie dal 1 luglio, tra i motivi del mancato sviluppo del Sud metto in evidenza quello della presenza di una classe dominante estrattiva

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.

Segreti e non misteri

di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin