Coronavirus, l’ex capo del Dap: "Su un presupposto smentito sono usciti 8.000 detenuti" | VIDEO :ilSicilia.it

Lo denuncia Sebastiano Ardita

Coronavirus, l’ex capo del Dap: “Su un presupposto smentito sono usciti 8.000 detenuti” | VIDEO

di
4 Maggio 2020

«Il rapporto tra detenzione e la maggior circolazione del coronavirus sembrerebbe gravemente smentito, ma su questo presupposto sono uscite circa 8.000 persone dal carcere. Un esito che rimarrà penso nella storia del nostro Paese. Non c’è mai stata una dismissione così massiccia di detenuti mafiosi dal carcere».

Lo denuncia in una video intervista all’Associazione “Memoria e Futuro” il presidente della Prima commissione del Csm, ed ex capo del Dap, Sebastiano Ardita.

Alla domanda se -si è trattato di un “cedimento dello Stato” ha risposto: «Sono abituato a parlare sulla base di prove e su questo non mi sbilancio, le suggestioni e gli indizi per lavorare e cercare le prove ci sono tutti: occorrerebbe approfondire la questioneIl garante dei detenuti riferisce 138 casi in carcere, a fronte di oltre 100 mila della popolazione nazionale. Inoltre ci sono stati zero casi di morte per coronavirus connessi ad un contagio in carcere, 28 mila tra le persone libere». 

Secondo Ardita nelle carceri italiane «da qualche anno c’è una gestione della sicurezza interna che probabilmente nuoce al rispetto delle regole interne. Perché c’è un’apertura delle celle un poco indifferenziata che non tiene conto dei livelli di pericolosità».

Di Cosa Nostra insomma non si avverte più il pericolo. «Ventotto anni dalle stragi significa minor sensibilità rispetto al pericolo dello scontro frontale, d’altra parte la mafia è meno visibile e più corruttiva. C’è la strategia, la capacità di vivere sottotraccia e di sedurre giocando sulle debolezze umane produce la capacità di essere accettata, e cioè far sembrare il mafioso una persona normale, accreditarsi come una mafia buona. Il risultato che Cosa Nostra si porta a casa con le scarcerazioni dimostra che la strategia dell’inabissamento, del lavoro ai fianchi porta risultati. Oggi sono usciti anche esponenti dell’ala stragista e questo è incredibile, e sono usciti perché l’altra parte, il pezzo che ha garantito questa linea è diventata la parte dominante in Cosa Nostra, ha riportato l’organizzazione ai vecchi tempi».

 

IL VIDEO QUI:

 

 

LEGGI ANCHE:

Nino Di Matteo: “Bonafede mi offrì il ruolo di capo del Dap ma poi fece dietro-front”. I boss non gradivano

 

© Riproduzione Riservata
Tag:
Alpha Tauri
di Manlio Orobello

Vaccini, basta chiacchiere!

La consueta girandola dei colori delle regioni italiane colpisce ancora. Sembra di guardare dentro un caleidoscopio nel quale le forme ed i colori cambiano ad ogni movimento dell’oggetto

In ricordo del Gattopardo: un romanzo che ci aiutò a capire la Sicilia e i siciliani

L’11 novembre 1958, usciva per i tipi della casa editrice Feltrinelli, Il Gattopardo, capolavoro e unico romanzo di Giuseppe Tomasi principe di Lampedusa. Il successo editoriale, in parte inaspettato, fu eccezionale, le edizioni si susseguirono una dopo l’altra con un ritmo che si riscontra in pochissimi casi per quanto riguarda il nostro panorama editoriale
Blog
di Giovanna Di Marco

Lidliota. E non è un romanzo

Ora mi chiedo come ci siamo ridotti se davvero su internet vanno a ruba le scarpe vendute alla Lidl a prezzi esorbitanti, perché pare che
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin