Coronavirus, l’ex capo del Dap: "Su un presupposto smentito sono usciti 8.000 detenuti" | VIDEO :ilSicilia.it

Lo denuncia Sebastiano Ardita

Coronavirus, l’ex capo del Dap: “Su un presupposto smentito sono usciti 8.000 detenuti” | VIDEO

di
4 Maggio 2020

«Il rapporto tra detenzione e la maggior circolazione del coronavirus sembrerebbe gravemente smentito, ma su questo presupposto sono uscite circa 8.000 persone dal carcere. Un esito che rimarrà penso nella storia del nostro Paese. Non c’è mai stata una dismissione così massiccia di detenuti mafiosi dal carcere».

Lo denuncia in una video intervista all’Associazione “Memoria e Futuro” il presidente della Prima commissione del Csm, ed ex capo del Dap, Sebastiano Ardita.

Alla domanda se -si è trattato di un “cedimento dello Stato” ha risposto: «Sono abituato a parlare sulla base di prove e su questo non mi sbilancio, le suggestioni e gli indizi per lavorare e cercare le prove ci sono tutti: occorrerebbe approfondire la questioneIl garante dei detenuti riferisce 138 casi in carcere, a fronte di oltre 100 mila della popolazione nazionale. Inoltre ci sono stati zero casi di morte per coronavirus connessi ad un contagio in carcere, 28 mila tra le persone libere». 

Secondo Ardita nelle carceri italiane «da qualche anno c’è una gestione della sicurezza interna che probabilmente nuoce al rispetto delle regole interne. Perché c’è un’apertura delle celle un poco indifferenziata che non tiene conto dei livelli di pericolosità».

Di Cosa Nostra insomma non si avverte più il pericolo. «Ventotto anni dalle stragi significa minor sensibilità rispetto al pericolo dello scontro frontale, d’altra parte la mafia è meno visibile e più corruttiva. C’è la strategia, la capacità di vivere sottotraccia e di sedurre giocando sulle debolezze umane produce la capacità di essere accettata, e cioè far sembrare il mafioso una persona normale, accreditarsi come una mafia buona. Il risultato che Cosa Nostra si porta a casa con le scarcerazioni dimostra che la strategia dell’inabissamento, del lavoro ai fianchi porta risultati. Oggi sono usciti anche esponenti dell’ala stragista e questo è incredibile, e sono usciti perché l’altra parte, il pezzo che ha garantito questa linea è diventata la parte dominante in Cosa Nostra, ha riportato l’organizzazione ai vecchi tempi».

 

IL VIDEO QUI:

 

 

LEGGI ANCHE:

Nino Di Matteo: “Bonafede mi offrì il ruolo di capo del Dap ma poi fece dietro-front”. I boss non gradivano

 

© Riproduzione Riservata
Tag:

Fenomeno serie tv

di Michele Lombardo

Una estate ricca di novità

L'estate è da sempre una stagione in cui i palinsesti delle tv in chiaro sono pieni di repliche di film e programmi tv. Film come Lo squalo, Pretty woman e la saga della Principessa Sissi sono delle presenze quasi costanti nelle programmazioni estive di molte tv

Blog

di Renzo Botindari

Election Day! Che bella parola

Nessuno mette in discussione che la nostra classe politica sappia fare dialettica e litigare a difesa delle proprie posizioni, o sappia addirittura demonizzare l’avversario, ma alla fine della elezioni chi uscirà vincitore dovrà governare

Rosso di sera

di Elio Sanfilippo

Primarie: un pasticcio alla siciliana

Nelle settimane scorse mentre dirigenti del PD siciliano si sbracciavano per spingere i propri iscritti e simpatizzanti a partecipare alle primarie e sostenere con il voto Caterina Chinnici, la candidata del partito, a Roma si consumava l’esperienza del governo Draghi.

In Primis la Sicilia

di Maurizio Scaglione

Vota e fai votare…. ma pensa con la tua testa

Vi ricordate quando, parliamo anni 60 e 70 , durante il periodo elettorale,  passavano per i quartieri le vecchie Fiat 600 con il megafono montato nel portabagagli sul tetto e gridavano con voce decisa, vota e fai votare Pinuccio Tal dei tali, per il tuo futuro , per il futuro dei tuoi figli, per il lavoro