Coronavirus, l'ex Istituto Materno Infantile di Palermo diventa "covid hospital" :ilSicilia.it
Palermo

potrà ospitare fino a sessanta pazienti

Coronavirus, l’Istituto Materno Infantile di Palermo diventa “covid hospital”

3 Aprile 2020

Sopralluogo del presidente della Regione Nello Musumeci  all’ex Istituto materno infantile di Palermo. Il governatore, insieme con l’assessore alla Salute Ruggero Razza, ha visitato il centro che diventerà, nel Piano straordinario approntato dalla Regione, una delle strutture sanitarie di accoglienza per pazienti affetti da Covid-19.

L’ex Imi potrà ospitare fino a sessanta pazienti, con 24 posti riservati a soggetti in condizioni critiche, tra i quali 14 di terapia intensiva e 10 di sub-intensiva ventilata. I restanti posti sono destinati a pazienti sintomatici.

La struttura di via Cardinale Rampolla, inattiva dal 2008, è stata riqualificata in questi ultimi mesi, con una decisa accelerazione nelle ultime settimane, in concomitanza con l’incremento della diffusione del contagio nell’Isola.

L’iniziativa del governo Musumeci lascerà alla città di Palermo, cessata l’emergenza Covid-19, una realtà sanitaria moderna ed efficiente, importante punto di riferimento per il capoluogo e la sua provincia.

© Riproduzione Riservata
Tag:
Wanted
di Ludovico Gippetto

L’archeologia del “Do not cross” come tutela

Rubare nei siti archeologici è gravissimo. Un argomento molto caro all’archeologo Sebastiano Tusa, fermo sostenitore del principio del "Do not cross". Dove gli oggetti antichi vanno guardati ma non decontestualizzati rispetto all’ambiente di provenienza.
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Magistratura e politica

Dal blog "Segreti e non misteri", Alberto Di Pisa riflette sul difficile rapporto fra magistratura e politica, in uno sistema di diritto come quello italiano.
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.