Coronavirus, l'Italia versa 50 milioni di euro per le imprese tunisine | ilSicilia.it :ilSicilia.it

Contributo alla Banca centrale del Paese africano

Coronavirus, l’Italia versa 50 milioni di euro per le imprese tunisine

di
27 Marzo 2020

L’Italia, tramite la Cassa Depositi e Prestiti, ha versato 50 milioni di euro (circa 157 milioni di dinari) a titolo di credito d’aiuto alla Banca Centrale tunisina.

La somma è destinata a sostenere le imprese tunisine e potrà essere utilizzata per rispondere all’impatto socioeconomico del coronavirus in Tunisia, supportando le misure messe in campo dal governo tunisino.

La notizia è stata diffusa nelle scorse ore dall’Ambasciata d’Italia in Tunisia attraverso i suoi canali social, con tanto di post: “Italia e Tunisia continuano a cooperare per superare questo difficile momento insieme. È un primo passo, mano nella mano, per far fronte al #Covid-19”.

Nel messaggio, inoltre, si cita l’Agenzia Italiana per la cooperazione e lo sviluppo e il ministero degli Affari Esteri. Ovviamente il post ha suscitato numerosi commenti indignati di imprenditori italiani, professionisti e appartenenti ad altre categorie, che sono fortemente penalizzate dall’emergenza coronavirus. Con tantissime imprese, studi ed esercizi commerciali, che in assenza di reddito stanno subendo i contraccolpi economici di una crisi nera, ci si chiede perchè l’Italia non destini tutte le somme disponibili a salvare il nostro Paese, piuttosto che sostenere altre nazioni.

© Riproduzione Riservata
Tag:
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Il Presidente con le carte in regola

In una fase di scadimento della Politica ricordare Pier Santi Mattarella è come una boccata di ossigeno, un riconoscere che vi è stata, e quindi è possibile, una politica ispirata al bene comune, al buon governo e al progresso della propria terra

In ricordo del Gattopardo: un romanzo che ci aiutò a capire la Sicilia e i siciliani

L’11 novembre 1958, usciva per i tipi della casa editrice Feltrinelli, Il Gattopardo, capolavoro e unico romanzo di Giuseppe Tomasi principe di Lampedusa. Il successo editoriale, in parte inaspettato, fu eccezionale, le edizioni si susseguirono una dopo l’altra con un ritmo che si riscontra in pochissimi casi per quanto riguarda il nostro panorama editoriale
Blog
di Giovanna Di Marco

Lidliota. E non è un romanzo

Ora mi chiedo come ci siamo ridotti se davvero su internet vanno a ruba le scarpe vendute alla Lidl a prezzi esorbitanti, perché pare che
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin