Coronavirus, l'Italia versa 50 milioni di euro per le imprese tunisine | ilSicilia.it :ilSicilia.it

Contributo alla Banca centrale del Paese africano

Coronavirus, l’Italia versa 50 milioni di euro per le imprese tunisine

27 Marzo 2020

L’Italia, tramite la Cassa Depositi e Prestiti, ha versato 50 milioni di euro (circa 157 milioni di dinari) a titolo di credito d’aiuto alla Banca Centrale tunisina.

La somma è destinata a sostenere le imprese tunisine e potrà essere utilizzata per rispondere all’impatto socioeconomico del coronavirus in Tunisia, supportando le misure messe in campo dal governo tunisino.

La notizia è stata diffusa nelle scorse ore dall’Ambasciata d’Italia in Tunisia attraverso i suoi canali social, con tanto di post: “Italia e Tunisia continuano a cooperare per superare questo difficile momento insieme. È un primo passo, mano nella mano, per far fronte al #Covid-19”.

Nel messaggio, inoltre, si cita l’Agenzia Italiana per la cooperazione e lo sviluppo e il ministero degli Affari Esteri. Ovviamente il post ha suscitato numerosi commenti indignati di imprenditori italiani, professionisti e appartenenti ad altre categorie, che sono fortemente penalizzate dall’emergenza coronavirus. Con tantissime imprese, studi ed esercizi commerciali, che in assenza di reddito stanno subendo i contraccolpi economici di una crisi nera, ci si chiede perchè l’Italia non destini tutte le somme disponibili a salvare il nostro Paese, piuttosto che sostenere altre nazioni.

© Riproduzione Riservata
Tag:
Wanted
di Ludovico Gippetto

L’archeologia del “Do not cross” come tutela

Rubare nei siti archeologici è gravissimo. Un argomento molto caro all’archeologo Sebastiano Tusa, fermo sostenitore del principio del "Do not cross". Dove gli oggetti antichi vanno guardati ma non decontestualizzati rispetto all’ambiente di provenienza.
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Magistratura e politica

Dal blog "Segreti e non misteri", Alberto Di Pisa riflette sul difficile rapporto fra magistratura e politica, in uno sistema di diritto come quello italiano.
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.