Coronavirus, Micciché attacca Roma: "In Sicilia non c'era Covid, non sa nuotare" | VIDEO :ilSicilia.it

"3 miliardi di euro in meno"

Coronavirus, Micciché attacca Roma: “In Sicilia non c’era Covid, non sa nuotare” | VIDEO

di
15 Settembre 2020

GUARDA IL VIDEO IN ALTO

Questi a Roma sono innamorati dell’emergenza, pregano tutto il giorno perché continui ma il Covid è enormemente indebolito ma loro se ne fregano perché nell’emergenza possono fare quel che vogliono senza regole. Se Berlusconi, a 85 anni, in una settimana è uscito dall’ospedale è chiaro che il virus è più debole“. Cosi il presidente dell’Assemblea siciliana, Gianfranco Micciché.

Avevamo le carte, sapevamo che qui in Sicilia non c’era il Covid, come in Sardegna, perché il virus non sa nuotare. Eppure, ci hanno chiuso, ci hanno considerato zona rossa. Ci hanno distrutto – ha affermato Micciché –, la Sicilia ha perso 11 punti di Pil, la Regione siciliana ha incassato 3 miliardi di euro in meno“.

 

© Riproduzione Riservata
Tag:
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

“Teoremi, Postulati e Dogmi”

Oggi il capo non vuole più esser messo in discussione. Una mente matematica come la mia nella sua vita si è nutrita di teoremi i quali partendo da condizioni iniziali arbitrariamente stabilite, giungono a conclusioni, dandone una dimostrazione.
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Mafia e antimafia

Dovendo parlare di mafia ed antimafia non si può non andare con la mente al 10 gennaio 1987 allorquando Leonardo Sciascia rilasciò una intervista al Corriere della Sera parlando di professionisti dell’antimafia
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.