Coronavirus: morta donna, aumentano i positivi a Ragusa :ilSicilia.it

Lo rende noto l'ASP

Coronavirus: morta donna, aumentano i positivi a Ragusa

9 Aprile 2020

Aumentano i casi di persone positive al Covid-19 in provincia di Ragusa. Lo rende noto l’Asp, sottolineando in una nota che proseguono con le analisi di oltre 100 tamponi al giorno, le attività del Laboratorio di Ragusa che, se ieri non avevano riscontrato nuovi casi, nelle ultime ore hanno evidenziato alcune positività.

Una donna affetta da altre patologie, deceduta nella notte, poco dopo l’arrivo al pre-triage del Pronto Soccorso di Ragusa, è risultata positiva al Coronavirus. E due operatori sanitari, già in isolamento da giorni, per contatto con caso Covid, sono risultati positivi pur essendo asintomatici.

L’Asp di Ragusa fa sapere che si stanno seguendo le procedure previste di sanificazione e di controllo degli operatori sanitari.

E continuano senza sosta anche le attività di indagine epidemiologica, le ricerche dei contatti con i “positivi”, e la sorveglianza del territorio da parte del Dipartimento di Prevenzione dell’Azienda sanitaria provinciale, con la collaborazione dei Comuni.

© Riproduzione Riservata
Il cielo di Paz
di Mari Albanese

Lettera di un’adolescente dalla sua quarantena

Oggi la mia rubrica ospita una lettera molto intensa scritta da un’adolescente che ci narra i suoi giorni di quarantena. Osservare la vita attraverso i social e distanti dagli affetti più importanti per i giovanissimi è stato molto faticoso. Possono i libri aiutare a lenire la solitudine?
Wanted
di Ludovico Gippetto

L’archeologia del “Do not cross” come tutela

Rubare nei siti archeologici è gravissimo. Un argomento molto caro all’archeologo Sebastiano Tusa, fermo sostenitore del principio del "Do not cross". Dove gli oggetti antichi vanno guardati ma non decontestualizzati rispetto all’ambiente di provenienza.
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.