Coronavirus: morta l'anziana di Giardini Naxos. Il sindaco affida la città alla Madonna :ilSicilia.it
Messina

prima vittima nella zona ionica

Coronavirus: morta l’anziana di Giardini Naxos. Il sindaco affida la città alla Madonna

25 Marzo 2020

E’ morta l’anziana donna, 80 enne, di Giardini Naxos che era stata ricoverata al Policlinico di Messina per un caso di Coronavirus. La signora, secondo le prime notizie, sembrava in grado di poter combattere la malattia ma le sue condizioni si sono aggravate e non ce l’ha fatta.

E’ la prima vittima a Giardini e nell’intera zona ionica. In lutto la città di Giardini Naxos, dove il sindaco Nello Lo Turco ha commentato così la notizia: “E’ un momento drammatico per la nostra comunità, rivolgiamo il nostro pensiero e il nostro cordoglio al figlio e alla famiglia tutta”.

Il primo cittadino, insieme ai tre parroci della città naxiota, stamattina ha affidato il destino di Giardini Naxos alla Patrona, Santa Maria Raccomandata. Lo Turco si è recato a Palazzo dei Naxioti, sede del Comune, e – dopo aver recitato il Padre Nostro e l’Angelus, in comunione con Papa Francesco – ha recitato l’atto di affidamento della comunità locale a Santa Maria Raccomandata, Patrona di Giardini Naxos. Lo Turco ha invocato l’intercessione della Vergine per proteggere i suoi concittadini.

“Noi tutti vi imploriamo di benedire tutti i giardinesi, tutto il popolo di Giardini Naxos, che oggi a voi si consacra. Vegliate sulle sue sorti future, beneditelo e proteggetelo. A voi, aurora della salvezza, affidiamo la nostra città, affinché sotto la vostra guida tutti gli uomini scoprano Cristo, luce del mondo e unico salvatore, che regna con il Padre e con lo Spirito Santo, nei secoli dei secoli. Amen”. 

Tag:
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Io guardo e rido, in questo momento

Io credevo che il vecchio mondo, i grandi popoli stessi avrebbero condiviso la loro parte migliore per far nascere una Europa grande unica e coesa che desse il meglio di sé stessa e invece alle prime difficoltà serie, abbandonati codici e decimetri, son venute fuori le profonde differenze e gli egoismi.
Come se fosse Antani
di Giovanna Di Marco

“Calati juncu, ca passa la china”

Al famoso termine‘resilienza’, oggi abusato ben oltre il campo d’indagine della psicologia, perché fa trendy ed è dunque omologato e omologante, voglio opporre un proverbio siciliano: “Calati juncu, ca passa la china”, ovvero “Giunco, piegati per fare passare la piena del fiume”
Sanità in Sicilia
di Salvatore Corrao

Covid 19: cosa è bene sapere

Tutti e tre questi virus hanno come serbatoio animale i pipistrelli. Il passaggio delle infezioni virali da animale a uomo sono molto rare ma nel caso dei coronavirus sopra riportati il virus è riuscito a passare nell’essere umano e si è diffuso da persona a persona