Coronavirus, Musumeci annuncia all'Ars un disegno di legge per le deroghe al Dpcm :ilSicilia.it

Il governatore a Sala d'Ercole

Coronavirus, Musumeci annuncia all’Ars un disegno di legge per le deroghe al Dpcm

di
27 Ottobre 2020

Con tutto il rispetto per il governo nazionale riteniamo di avere diritto a disciplinare su alcune materie le misure che i presidenti di Regione possono adottare. Misure che finora sono state restrittive e che potrebbero essere estensive. L’idea di chiedere deroghe anche per le materie estensive non è nuova: in questi giorni circola una norma della Provincia autonoma di Bolzano con la quale si disciplinano alcune misure di contenimento dell’epidemia“. Ad affermarlo è stato il presidente della Regione Siciliana, Nello Musumeci, intervenendo all’Ars sulle misure di contrasto al coronavirus. Musumeci ha quindi annunciato: “Questa sera il governo regionale si riunirà per adottare un ddl che richiami nella forma e nella sostanza la legge gia’ adottata e approvata dal governo centrale per la Provincia autonoma di Bolzano. Mi auguro che su questo tema si possa trovare la condivisione del Parlamento“. Le materie su cui il governo siciliano chiederà a Roma una deroga sono quelle che riguardano i beni culturali e alcune attivita’ legate al turismo.

A Sala d’Ercole il governatore ha parlato anche dello stato di diffusione del contagio in Sicilia: “La situazione dell’epidemia in Sicilia segnala una crescita costante dei contagi – ha affermato – La Sicilia ha comunque rafforzato il proprio sistema sanitario con oltre tremila operatori. Siamo tra le regioni italiane che si sono dotate per prime di tamponi e test sierologici. Abbiamo testato oltre 460mila casi singoli con test molecolari e oltre 250mila con i test sierologici“.

Tra il periodo di marzo-aprile e quello di settembre-ottobre il nostro sistema sanitario ha reso il 120% in piu’ delle prestazioni e ancora oggi siamo fermi sulla nostra posizione di non sospendere le attivita’ di cura per chi non e’ malato di Covid“. Secondo il governatore, infine, “è falso dire che la Sicilia ha buttato il periodo dell’estate e lo dimostrano il potenziamento della rete territoriale, le assunzioni fatte e l’avvio di opere nelle strutture ospedaliere”.

 

© Riproduzione Riservata
Tag:

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.

Rosso di sera

di Elio Sanfilippo

La Repubblica compie 75 anni!

Una delle cause principali delle difficoltà in cui versa il Paese, segnato da uno sbandamento anche morale, da una involuzione culturale e civile, nasce sicuramente dall’avere smarrito il senso di questa data, da un affievolirsi dei valori che sono stati alla base della nascita della Repubblica

Wanted

di Ludovico Gambino

Giorgio Armani veste il David di Michelangelo per Dubai

La scultura, quella vera, è uno degli emblemi del nostro Rinascimento nonché simbolo dell'Italia nel mondo, originariamente collocata in Piazza della Signoria, per rappresentare la Repubblica fiorentina vigile e vittoriosa contro i nemici. L'opera, alta oltre cinque metri per cinque tonnellate di marmo di Carrara, ritrae l'eroe biblico nel momento in cui si appresta ad affrontare Golia, come ci racconta l’Antico Testamento.
Banner Ortopedia Ferranti

Segreti e non misteri

di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin