Coronavirus, Musumeci: "Attegiamento di relax in Sicilia, i Prefetti intensifichino i controlli" :ilSicilia.it

le parole del presidente

Coronavirus, Musumeci: “Attegiamento di relax in Sicilia, i Prefetti intensifichino i controlli”

2 Aprile 2020

I siciliani sembrano essersi rilassati in merito alle disposizioni emesse dal governatore Musumeci in merito alla quarantena dovuta alla pandemia del coronavirus.

Il sindaco di Palermo Leoluca Orlando chiude la Favorita per i giorni di Pasqua e Pasquetta temendo una estemporanea scampagnata da parte dei palermitani i quali non vorrebbero rinunciare alla grigliata come usanza per la festività.

I vari appelli fatti da medici, addetti sanitari ma anche dipendenti dei supermercati, mostrano una Sicilia insofferente in merito alle disposizioni prolungate proprio ieri sera, 1 aprile, dal premier Conte sino al 13 di Aprile.

Il presidente della Regione per prevenire un collasso di questa delicata situazione stamani, 2 aprile, ha chiamato ai nove prefetti siciliani cercando di poter intensificare i controlli su tutto il territorio siciliano.

“Sono molto preoccupato – ha affermato il governatore – per l’atteggiamento di relax che ha assunto la popolazione del Sud, e in particolare quella della Sicilia, negli ultimi giorni. Finora abbiamo osservato rigorosamente le norme, secondo cui bisogna restare a casa. Ma ora c’è una sorta di ‘liberi tutti’, con l’errata consapevolezza che il peggio sia passato e con il fatalismo tipico e l’aria scanzonata di noi meridionali che ci possiamo concedere anche il lusso di un passeggiata di un’ora. Chi fa questo è un irresponsabile che mette a rischio la propria vita e quella degli altri”.

Dobbiamo fare ancora qualche settimana di sacrificio  – continua il Governatore – se il picco deve arrivare dobbiamo evitarlo, altrimenti vanifichiamo gli sforzi incredibili di tantissime famiglie che non possono più fare la spesa e che hanno spento persino il frigo perché non hanno più nulla da conservare”.

Musumeci ha ricordato le misure fin qui disposte e comunicato gli ultimi dati sulla diffusione della pandemia in Sicilia. “Abbiamo adottato, fin dall’inizio – ha puntualizzato – una linea di rigore che finora ha pagato, ma sappiamo benissimo che il picco deve arrivare e lo aspettiamo per la metà di aprile. Abbiamo finora 1.718 positivi, 72 pazienti in terapia intensiva e 86 guariti e abbiamo registrati 88 perdite con quattro zone rosse”.

Tra i provvedimenti, la limitazione degli ingressi dallo Stretto di Messina: “Da diverso tempo – ha ricordato il Musumeci – abbiamo limitato gli accessi nell’Isola anche con i traghetti che da 24 sono passati a 4 corse giornaliere. Siamo fermamente convinti che le due settimane che arriveranno saranno quelle determinanti ed è in questo momento che bisogna tenere alta la guardia. Abbiamo anche limitato – ha spiegato – le corse dei treni e gli aerei arrivano soltanto da Roma Fiumicino. Dobbiamo convincerci che, in questo momento, ogni siciliano deve rimanere dove si trova”.

Infine, il tema dei dispositivi individuali di protezione, che sono insufficienti per le esigenze degli operatori sanitari duramente impegnati per contenere la diffusione del contagio e assistere i pazienti ricoverati negli ospedali siciliani. “L’unità di crisi nazionale – ha concluso – si era presa l’incarico di distribuire alle periferie il materiale di protezione, ma anche i ventilatori necessari per realizzare i posti di terapia intensiva. Sono arrivati in maniera insufficiente e inadeguata. Ci sono stati degli errori iniziali, che hanno creato un diffuso malessere soprattutto tra gli operatori sanitari e di cui adesso è bene non si parli, perché in tempo di guerra non si fanno processi”.

Il presidente Musumeci ha reso anche noto che il Corpo forestale della Regione Siciliana provvederà alla sanificazione dei centri abitati nei Comuni dell’Isola. A stabilire le priorità di intervento sarà la Protezione civile regionale, secondo le indicazioni che provengono dai dati giornalieri dei contagi.

Si partirà domani con le quattro “zone rosse”, già dichiarate dal presidente della Regione, e alcuni centri limitrofi: Villafrati, Godrano e Cefalà Diana nel Palermitano, Agira e Troina in provincia di Enna e Salemi nel Trapanese.

I mezzi che il Comando del Corpo forestale rende disponibili, sin da subito, sono: un’autobotte da ottomila litri e 4 autocarri pick-up da cinquecento litri. Il disinfettante utilizzato sarà a base di amuchina e saranno impegnati una decina di agenti.

© Riproduzione Riservata
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Magistratura e politica

Dal blog "Segreti e non misteri", Alberto Di Pisa riflette sul difficile rapporto fra magistratura e politica, in uno sistema di diritto come quello italiano.
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.