Coronavirus: negativo il giovane partito da Dublino e arrivato a Palermo :ilSicilia.it
Palermo

lo rende noto l'Usmaf

Coronavirus: negativo il giovane partito da Dublino e arrivato a Palermo

di
28 Marzo 2020

Il giovane partito da Dublino e arrivato nei giorni scorsi a Palermo in aereo da Roma è risultato negativo al Coronavirus. 

La notizia, anticipata dall’Italpress, è stata adesso confermata dall’Ufficio territoriale Usmaf del Ministero della Salute.

Gli altri colleghi del giovane palermitano, tutti positivi anche loro al coronavirus dopo avere svolto la parte iniziale del corso per assistenti di volo a Bergamo, si trovano ancora in un albergo di Dublino in attesa che l’ambasciata decida sul loro eventuale rientro in Italia al termine del periodo di quarantena.

“Nel comunicare l’esito negativo del tampone del passeggero sul volo Alitalia AZA01795 del 26 Marzo – si legge in una nota – ci si premura come Ufficio Territoriale USMAF del Ministero della Salute a ringraziare la Polizia di Frontiera, la Croce Rossa Italiana, la Gesap e handler, ASP, Policlinico P. Giaccone e Alitalia per la collaborazione mostrata e l’aiuto fornito in tutte le procedure coordinate e messe in atto a controllo per il suddetto volo a sicurezza dell’Aerostazione e della Salute Pubblica”.

 

© Riproduzione Riservata
Tag:

Fenomeno serie tv

di Michele Lombardo

Una estate ricca di novità

L'estate è da sempre una stagione in cui i palinsesti delle tv in chiaro sono pieni di repliche di film e programmi tv. Film come Lo squalo, Pretty woman e la saga della Principessa Sissi sono delle presenze quasi costanti nelle programmazioni estive di molte tv

Blog

di Renzo Botindari

Election Day! Che bella parola

Nessuno mette in discussione che la nostra classe politica sappia fare dialettica e litigare a difesa delle proprie posizioni, o sappia addirittura demonizzare l’avversario, ma alla fine della elezioni chi uscirà vincitore dovrà governare

Rosso di sera

di Elio Sanfilippo

Primarie: un pasticcio alla siciliana

Nelle settimane scorse mentre dirigenti del PD siciliano si sbracciavano per spingere i propri iscritti e simpatizzanti a partecipare alle primarie e sostenere con il voto Caterina Chinnici, la candidata del partito, a Roma si consumava l’esperienza del governo Draghi.