Coronavirus, otto deputati Ars: "Musumeci ha ragione a protestare, serve un fronte unito" :ilSicilia.it

A seguito della protesta di Musumeci al Governo

Coronavirus, otto deputati Ars: “Musumeci ha ragione a protestare, serve un fronte unito”

di
28 Marzo 2020

Appoggiamo unitariamente la protesta del Governatore Musumeci per la mancata consegna alla Regione dei Dispositivi e del materiale sanitario richiesti come i ventilatori elettrici, i kit diagnostici, e il numero insufficiente di mascherine. Tutti necessari per affrontare con maggiore adeguatezza il picco previsto per la prima decade di aprile. Così come condividiamo le preoccupazioni che giornalmente medici, professionisti sanitari siciliani, gente comune indirizzano al Governatore Musumeci e all’Assessore Razza”. E’ quanto si legge in una nota dei deputati regionali firmata da otto parlamentari:  Marianna Caronia, Giovanni Bulla e Antonio Catalfamo (Lega), Luisa Lantieri e Giuseppe Gennuso (Ora Sicilia), Carmelo Pullara e Giuseppe Compagnone (Popolari-Autonomisti) e Stefano Pellegrino (Forza Italia).

È fondamentale – e in questo diamo al Governatore tutti il nostro solidale sostegno – lavorare per creare un fronte comune, per contenere la diffusione dell’epidemia e per salvaguardare in ogni modo l’incolumità dei cittadini e la salute pubblica – prosegue la nota . Non è il momento di fare polemiche, che sarebbero sterili, e forse non tutte le strategie e le decisioni sono state prese in modo appropriato, ma lavorare in emergenza è difficilissimo, soprattutto in un quadro epidemiologico, come quello generato dal Coronavirus,  assolutamente nuovo e che cambia di giorno in giorno”. 
E’questo il momento – affermano gli otto parlamentari –  di dare il proprio contributo, il proprio sostegno, di dimostrare di essere capaci a collaborare con efficienza, professionalità e solidarietà. Riteniamo che oggi più che mai il confronto e la collaborazione siano i cardini cui il Governatore e l’assessore Razza debbano improntare la loro azione quotidiana, stante che ad oggi hanno ormai dispiegato le loro strategie sanitarie  a fronte dell’emergenza. L’importanza della collaborazione va perseguita anche per un consenso unanime dei territori su decisioni che hanno imposto ed impongono ai cittadini e alle forze sanitarie sacrifici importanti. Infatti oggi è tempo di agire e di prendere decisioni che governano al meglio l’attuale situazione di emergenza per guardare al futuro”.

E’ il momento questo – concludono gli otto deputati – di procedere adottando strategie comuni nella massima trasparenza e chiarezza, evitando comportamenti opachi e che possano generare incomprensioni sulle iniziative del governo regionale”.

© Riproduzione Riservata
Tag:
Blog
di Renzo Botindari

“Credete che stiano dormendo?”

Non voglio ritornare a quel mondo malato, Io mi auguro di venirne fuori, quantomeno fisicamente, ma dovremmo fare un patto, un vero patto collettivo affinché si prenda insegnamento di tutto quanto ciò e si possa per una volta dire: “mai più!”. La riflessione di Epruno.
Balzebù
di Balzebù

M5S, la nuova spaccatura che sa di rottura definitiva del giocattolo

E’ cominciata molto prima del previsto la parabola discendente del Movimento 5 stelle. Probabilmente, non arriverà neanche alle prossime elezioni. Il disfacimento della creatura di Beppe Grillo è sotto gli occhi tutti. Ma nessuna sorpresa: un partito fondato soltanto sulla protesta non poteva avere un futuro

‘La caduta, eventi e protagonisti in Sicilia: 1972-1994’: l’analisi di Calogero Pumilia

Calogero Pumilia, per oltre vent’anni deputato democristiano, nel suo “La Caduta. Eventi e protagonisti in Sicilia 1972-1994“, in libreria in questi giorni, ci offre un contributo in questo senso regalandoci una lettura dal di dentro che consente di farci scoprire come molte leggende metropolitane, spacciate per verità storica, debbano essere riviste.
Blog
di Giovanna Di Marco

Lidliota. E non è un romanzo

Ora mi chiedo come ci siamo ridotti se davvero su internet vanno a ruba le scarpe vendute alla Lidl a prezzi esorbitanti, perché pare che
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin