Coronavirus, Pagano: "Riaprire bar e ristoranti dopo le 18 in Sicilia" :ilSicilia.it

la dichiarazione del deputato siciliano della Lega

Coronavirus, Pagano: “Riaprire bar e ristoranti dopo le 18 in Sicilia”

di
27 Ottobre 2020

 “Salviamo i servizi di ristorazione, è possibile tutelare la salute dei cittadini senza mettere in ginocchio un intero settore, soprattutto in regioni come la Sicilia. Il Dpcm del governo ha dimenticato la realtà siciliana, la cui economia uscirebbe massacrata dalla decisione scellerata di chiudere ristoranti e bar alle 18, orario in cui nel nostro territorio i servizi di ristorazione cominciano ad attrarre clientela“. Lo afferma Alessandro Pagano, deputato siciliano della Lega e vice capogruppo alla Camera.

Realtà locali come il Trentino si sono opposte alle politiche totalitarie di Conte e compagni: chiediamo al presidente Musumeci di sfruttare anche noi i margini di autonomia di cui gode la nostra Regione per salvare le nostre attività, tutelando allo stesso tempo la salute dei cittadini, dal momento che un governo che vive su Marte non è in grado di farlo. La Regione batta i pugni e impedisca all’esecutivo di prendere decisioni contro la volontà dei siciliani, sfruttando a pieno i poteri concessi dallo Statuto regionale“, conclude il deputato.

© Riproduzione Riservata
Tag:
Blog
di Renzo Botindari

Se non mi mancate per nulla ci sarà un motivo?

Siamo partiti dal “fratelli d’Italia” cantato in coro alle ore 18.00 dai nostri balconi, per giungere oggi al vaffa al vicino di casa non appena si affaccia nel balcone accanto al vostro
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Buona Pasqua

L’Augurio che sicuramente in cuor loro i siciliani si fanno, in occasione di queste festività, è che questa sia l’ultima Pasqua da reclusi e che la prossima si potrà finalmente passeggiare liberamente, ritrovando il gusto dello stare insieme, di rafforzare sentimenti di amicizia, di socialità e di solidarietà
Alpha Tauri
di Manlio Orobello

“Il Paradiso perduto“

Scendeva il crepuscolo mentre l’aereo si accingeva ad atterrare a Punta Raisi. La costa fra Carini e Capo Rama appariva già punteggiata dalle luci dei paesi e delle innumerevoli abitazioni che la costellano e che si riflettevano sempre di più nella cerchia dei monti, man mano che la luce del sole tendeva a scomparire.
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin