Coronavirus: paura a Palermo, commando assalta supermercato :ilSicilia.it
Palermo

al Paghi Poco di via Amedeo d'Aosta

Coronavirus: paura a Palermo, commando assalta supermercato

di
3 Aprile 2020

Rapina ad un supermercato di Palermo ieri sera: quattro rapinatori armati di pistola hanno fatto irruzione nel punto vendita Paghi Poco di via Amedeo d’Aosta (in zona Romagnolo) con il volto coperto da mascherine chirurgiche.

Due erano armati di pistola che hanno puntato contro le persone presenti in quel momento, tenendole sotto sequestro fino a quando non sono fuggiti con il bottino rubando anche l’auto di un dipendente.

La polizia, che indaga sull’episodio, è intervenuta intorno alle 21, dopo l’allarme lanciato dagli stessi dipendenti del supermercato. Ai banditi sono bastati pochi attimi per chiarire le proprie intenzioni, tenendo i presenti sotto sequestro per circa mezzora. Mentre due tenevano sotto scacco i dipendenti e i pochi clienti che in quel momento si trovavano dentro il supermercato, gli altri hanno svuotato le casse impossessandosi di un bottino di diverse migliaia di euro. Infine hanno minacciato uno dei dipendenti del supermercato facendosi consegnare le chiavi della sua auto, una Jeep Renegade.

Le indagini sono condotte dagli agenti dell’Ufficio prevenzione generale e soccorso pubblico insieme ai colleghi della Squadra Mobile. Acquisite le immagini di alcune telecamere di videosorveglianza che potrebbero aver inquadrato le varie fasi dell’assalto e della fuga dei rapinatori.

 

 

LEGGI ANCHE:

Coronavirus a Palermo: “Troppi vanno al supermercato per cugghiuniare, scontrini sotto i 10 euro” | VIDEO

Coronavirus a Palermo, l’ira sui social: “Saccheggiamo i supermercati tedeschi e francesi” | VIDEO

Coronavirus a Palermo: tensione al Lidl di viale Regione, la gente rifiuta di pagare la spesa

© Riproduzione Riservata
Tag:
Politica
di Elio Sanfilippo

Sindaci e Imprese insieme per rilanciare la Sicilia

A chi continua a lamentarsi che la Sicilia non ha più voce in capitolo nelle scelte del governo nazionale, come dimostra la vicenda della nomina dei ministri e dei sottosegretari, ribadiamo che non ha più voce perché non ha più una testa, una guida, una classe dirigente autorevole dotata di una visione e di un progetto politico.
Alpha Tauri
di Manlio Orobello

Vaccini, basta chiacchiere!

La consueta girandola dei colori delle regioni italiane colpisce ancora. Sembra di guardare dentro un caleidoscopio nel quale le forme ed i colori cambiano ad ogni movimento dell’oggetto
Blog
di Giovanna Di Marco

Lidliota. E non è un romanzo

Ora mi chiedo come ci siamo ridotti se davvero su internet vanno a ruba le scarpe vendute alla Lidl a prezzi esorbitanti, perché pare che
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin