Coronavirus: paziente compie 100 anni, festa virtuale al Policlinico di Messina :ilSicilia.it

Grazie a un tablet

Coronavirus: paziente compie 100 anni, festa virtuale al Policlinico di Messina

29 Marzo 2020

Ha compiuto 100 anni una delle pazienti ricoverate al Covid hospital del Policlinico “G. Martino” di Messina, affetta da coronavirus.

Il personale del Padiglione H ha organizzato, usando i tablet donati da un’azienda e messi a disposizione dei pazienti, una videochiamata affinché la signora ricevesse gli auguri dai propri familiari. Il figlio, la nuora e i nipoti si sono virtualmente stretti attorno alla donna in un momento di grande emozione anche per il personale del reparto.

La degente, nativa di Capizzi, era una degli ospiti della casa di riposo “Come d’incanto”, da dove domenica scorsa è stata trasferita in ospedale.

La signora, a cui vanno gli auguri dell’Azienda – afferma il Direttore generale dell’A.O.U. Giuseppe Lagangarappresenta il simbolo dei nostri sforzi per contrastare l’epidemia. Una battaglia in cui non intendiamo lasciare indietro nessuno, nella quale non vogliamo nemmeno prendere in considerazione ipotesi, come quella circolata nei giorni scorsi a livello nazionale, secondo cui dovremmo essere costretti a scegliere chi salvare e chi no”.

Il Policlinico di Messina – conclude il primario –, come tutto il sistema sanitario regionale, sta lavorando per farsi trovare costantemente pronto rispetto a un eventuale aumento di ricoveri. Statistiche e numeri, però, non devono farci dimenticare come dietro ogni dato ci sia una persona, la sua rete di affetti, la sua storia. La nostra risposta deve essere di carattere strutturale, ma anche improntata all’umanità e alla solidarietà“.

Sempre al Padiglione H, inoltre, si registra la prima guarigione da Covid-19 tra i pazienti finora ricoverati presso l’A.O.U., anche se non si può procedere alle dimissioni poiché la paziente, una donna di 62 anni, risulta affetta da altre patologie.

 

© Riproduzione Riservata
Tag:
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.