Coronavirus: pronta nave quarantena per Lampedusa, migranti imbarcati entro domani :ilSicilia.it
Agrigento

La Moby Zaza

Coronavirus: pronta nave quarantena per Lampedusa, migranti imbarcati entro domani

di
14 Maggio 2020

La nave “Moby Zaza“, con i suoi 284 posti, è pronta ad accogliere i migranti, che sbarcheranno fra Lampedusa e il resto dell’Agrigentino, per la quarantena.

Le verifiche – da parte di una commissione di visita (ex art.25 della legge 616/62) presieduta dalla Capitaneria di porto assieme a Rina e Usmaf – si sono concluse nella tarda serata di ieri. Oggi, 14 maggio, verranno imbarcati gli operatori sanitari della Croce Rossa italiana e l’imbarcazione sarà pronta a lasciare il porto empedoclino per posizionarsi – in rada – a circa 2 o 3 miglia dalla costa.

I primi migranti che verranno sistemati sulla nave-quarantena sono i 53 (10 tunisini più 43 subsahariani) sbarcati, fra Cala Madonna e l’isola dei Conigli di Lampedusa, nella notte fra martedì e ieri. Il gruppo dei 53 dovrebbe venire imbarcato sulle motovedette di Guardia costiera e Guardia di finanza, con destinazione Porto Empedocle, nelle prossime ore: non appena le condizioni del mare miglioreranno. Il loro arrivo sulla “Moby Zaza” è previsto fra il tardo pomeriggio di oggi e domattina.

© Riproduzione Riservata
Tag:
LiberiNobili
di Laura Valenti

La rabbia e il giro del corridoio magico

Benvenuti nel mio “corridoio magico” dal quale mi auguro uscirete cambiati grazie all’induzione e all’attivazione dell’energia inconscia che rivoluziona e riassetta i processi spontanei di autoguarigione ed evoluzione
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Mafia e antimafia

Dovendo parlare di mafia ed antimafia non si può non andare con la mente al 10 gennaio 1987 allorquando Leonardo Sciascia rilasciò una intervista al Corriere della Sera parlando di professionisti dell’antimafia
Wanted
di Ludovico Gippetto

L’archeologia del “Do not cross” come tutela

Rubare nei siti archeologici è gravissimo. Un argomento molto caro all’archeologo Sebastiano Tusa, fermo sostenitore del principio del "Do not cross". Dove gli oggetti antichi vanno guardati ma non decontestualizzati rispetto all’ambiente di provenienza.
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.