Coronavirus, Razza: "Dieci laboratori dedicati solo alle analisi dei test" | VIDEO :ilSicilia.it

interviene l'assessore regionale alla Salute

Coronavirus, Razza: “Dieci laboratori dedicati solo alle analisi dei test” | VIDEO

10 Aprile 2020

Guarda il video in alto

Non ci sarà l’autocertificazione, ma il tampone al termine della quarantena per coloro che sono tornati in Sicilia dal Nord. Per rendere la procedura più rapida e limitare le attese,  sono stati predisposti dieci laboratori dedicati solo all’analisi dei test per identificare il coronavirus.

Lo ha dichiarato su Facebook l’assessore regionale alla Salute Ruggero Razza scusandosi per i ritardi che stanno costringendo gli interessati a prolungare l’isolamento in attesa del test, ma è per la sicurezza di tutti.

Abbiamo già acquisito seimila tamponi e ne sono stato elaborati quattromila. Di questi 39 sono risultati positivi – spiega Razza -. Ecco perché in questa fase dobbiamo chiedere pazienza: dobbiamo evitare che un soggetto che magari si sente bene ed è confortato da uno stato di salute apparentemente perfetto possa essere positivo ma asintomatico“.

In questo modo ogni giorno potremo mettere insieme 1.200 tamponi. E non si tratta degli stessi destinati agli ospedali o legati a casi già accertati, ma è una linea a parte. Questo comporterà che un numero significativo di cittadini dovrà attendere qualche altro giorno prima di lasciare l’abitazione. Chiediamo un sacrificio nell’interesse di tutti ma penso che da qui a dopo Pasqua riusciremo a concludere i test su tutti coloro che sono rientrati.

L’ordinanza di Musumeci obbliga, a chi è rientrato nell’Isola, di registrarsi sul sito specifico e di restare in quarantena per 14 giorni. Il tampone che verrà effettuato dovrà poi confermare la guarigione o meno.

 

© Riproduzione Riservata
Tag:
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.