Coronavirus, Roy Paci a Palermo omaggia la Polizia e i morti con il "Silenzio" :ilSicilia.it
Palermo

Davanti la questura

Coronavirus, Roy Paci a Palermo omaggia la Polizia e i morti con il “Silenzio” VIDEO

9 Aprile 2020

Roy Paci omaggia le vittime con un omaggio sonoro.

In un momento particolarmente difficile a causa dell’emergenza coronavirus, un messaggio di vicinanza e di solidarietà è giunto, anche dal mondo artistico internazionale, alle donne e agli uomini della Polizia di Stato di Palermo che ogni giorno, con abnegazione e spirito di sacrificio, dedicano le proprie risorse a tutela della collettività.

A rendere omaggio agli agenti il compositore e trombettista Roy Paci che, davanti al palazzo della Questura, in salita Antonio Manganelli, ha dedicato il Silenzio d’Ordinanza alla memoria di tutte le vite stroncate dal Covid-19.

Sulle note della tromba, uno schieramento di equipaggi delle Volanti, in posizione di Attenti e con saluto alla visiera, ha reso onore alle vittime, incoraggiamento ai cittadini e sostegno al personale sanitario che lotta per sconfiggere il virus.

Dopo il doveroso ricordo di quanti hanno perso la vita a causa dell’epidemia, è stato intonato da Roy Paci anche il brano di Ludovico Einaudi “La vita è bella.

© Riproduzione Riservata
Tag:
Wanted
di Ludovico Gippetto

L’archeologia del “Do not cross” come tutela

Rubare nei siti archeologici è gravissimo. Un argomento molto caro all’archeologo Sebastiano Tusa, fermo sostenitore del principio del "Do not cross". Dove gli oggetti antichi vanno guardati ma non decontestualizzati rispetto all’ambiente di provenienza.
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Magistratura e politica

Dal blog "Segreti e non misteri", Alberto Di Pisa riflette sul difficile rapporto fra magistratura e politica, in uno sistema di diritto come quello italiano.
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.