Coronavirus: Salemi resta "zona rossa", ma mancano i dati :ilSicilia.it
Trapani

Il sindaco Domenico Venuti: "Serve relazione dell'Asp"

Coronavirus: Salemi resta “zona rossa”, ma mancano i dati

di
16 Aprile 2020

Una relazione dettagliata che possa fornire un quadro più chiaro e completo della situazione epidemiologica della città di Salemi e che possa “offrire ulteriori indicazioni circa l’evoluzione futura della situazione sanitaria” in riferimento al Covid-19.

La richiesta è stata avanzata “con urgenza” dal sindaco di Salemi, Domenico Venuti, in una nota indirizzata ai vertici dell’Azienda sanitaria provinciale di Trapani.

Domenico Venuti,
Domenico Venuti

Sabato una ordinanza del presidente della Regione ha prorogato la cosiddetta ‘zona rossa’ per la città fino al 3 maggio e ora l’amministrazione comunale chiede all’Asp di fornire “elementi di conoscenza specifici” circa l’evoluzione della diffusione del Coronavirus dal momento che l’ultima relazione pervenuta sugli esiti dell’indagine epidemiologica risale al 19 marzo: le autorità sanitarie, secondo il Comune, avrebbero dovuto mettere a punto un nuovo e aggiornato resoconto ufficiale della situazione in virtù della particolare condizione in cui la città di Salemi si trova dal giorno in cui è stata dichiarata ‘zona rossa’.

Nella nota l’Amministrazione evidenzia l’importanza di “incrementare” il numero dei tamponi sulla cittadinanza “con lo scopo di ampliare ulteriormente il quadro statistico dei dati a disposizione e venire a conoscenza della presenza o meno di eventuali nuovi focolai”.

Tra le richieste inviate all’Asp anche quella di una conoscenza più dettagliata sui tamponi già effettuati, i cui esiti finora sono stati trasmessi in modo “frammentario” e attraverso canali “informali“. Il Comune, infine, chiede che sia l’Azienda sanitaria a informare “in modo consono e ufficiale” i medici di medicina Generale in merito agli esiti dei tamponi effettuati sui propri assistiti.

© Riproduzione Riservata
Tag:

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.

Rosso di sera

di Elio Sanfilippo

La Repubblica compie 75 anni!

Una delle cause principali delle difficoltà in cui versa il Paese, segnato da uno sbandamento anche morale, da una involuzione culturale e civile, nasce sicuramente dall’avere smarrito il senso di questa data, da un affievolirsi dei valori che sono stati alla base della nascita della Repubblica

Wanted

di Ludovico Gambino

Giorgio Armani veste il David di Michelangelo per Dubai

La scultura, quella vera, è uno degli emblemi del nostro Rinascimento nonché simbolo dell'Italia nel mondo, originariamente collocata in Piazza della Signoria, per rappresentare la Repubblica fiorentina vigile e vittoriosa contro i nemici. L'opera, alta oltre cinque metri per cinque tonnellate di marmo di Carrara, ritrae l'eroe biblico nel momento in cui si appresta ad affrontare Golia, come ci racconta l’Antico Testamento.
Banner Ortopedia Ferranti

Segreti e non misteri

di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin