Coronavirus: "Scarcerato ergastolano condannato per mafia, omicidio ed estorsione" :ilSicilia.it

andrà ai domiciliari anche se non è positivo al Covid-19

Coronavirus: “Scarcerato ergastolano condannato per mafia, omicidio ed estorsione”

di
5 Aprile 2020

È di qualche ora fa la notizia della concessione della misura degli arresti domiciliari ad un ergastolano di origini siciliane, Antonio Sudato, 67 anni, rinchiuso nel carcere di Sulmona.

“Rischio di contagio da coronavirus”, questa la motivazione che il magistrato di sorveglianza dell’Aquila ha evidenziato per la concessione, appunto, degli arresti domiciliari. L’istanza dell’avvocato difensore di Sudato, di Siracusa, è stata accolta, «motivando l’incompatibilità del detenuto con la vita carceraria per motivi di salute e per il rischio di contagio da coronavirus, che in una persona con rilevanti patologie può seriamente aggravare il proprio stato di salute».

Antoci“È un precedente gravissimo ed un’offesa ai familiari delle vittime di mafia – così Giuseppe Antoci, Presidente Onorario della Fondazione Caponnetto ed ex Presidente del Parco dei Nebrodi, vittima nel 2016 di un gravissimo attentato mafioso sventato dalla scorta della Polizia di Stato – . Rischio di contagio da coronavirus? Quindi ad oggi neanche positivo. Non torna, dunque, a casa per curarsi ma solo per il rischio di contrarre. E del rischio che stanno correndo i tanti nelle Forze dell’Ordine, nell’Esercito e nella Polizia Penitenziaria o ai tanti che sono in prima linea nei settori necessari al Paese che diciamo? Anche alcuni di loro hanno patologie che potrebbero comportare rischi maggiori in caso di contagio, eppure sono per strada o nei loro posti di lavoro.

Pur rispettando la decisione del magistrato – continua Antoci – la stessa sembra però essere un gravissimo precedente che potrebbe consentire a tanti altri di tornare a casa dai loro affetti. Proprio quegli affetti di cui sono stati privati, invece, i familiari delle vittime di mafia, coloro, cioè, che oggi vedono uscire non semplici detenuti, con residui di pena irrisorie, bensì detenuti come Sudato, condannato, in via definitiva, per associazione mafiosa, estorsione ed omicidio”.

“Insomma sembra una scarcerazione preventiva – continua Antoci – una nuova forma non nota. È dunque chiaro che, seguendo questa logica, chi a questo punto ha delle patologie, seppur mafioso e soggetto socialmente pericoloso, possa chiedere di tornare a casa per il solo rischio di contrarre il Covid-19. Tutto ciò ci mette in forte preoccupazione e va assolutamente evitato. Affrontiamo a muso duro il Coronavirus ma evitiamo di far uscire dalle carceri i mafiosi che, approfittando di alcune patologia, non solo tornano tranquillamente a riabbracciare i loro cari, ma magari ricominciano a comandare dalle loro case. Consentendo questo faremo così proliferare l’altro virus, anche questo devastante ed omicidiario, le mafie di questo Paese”, conclude Antoci.

© Riproduzione Riservata
Tag:
Blog
di Renzo Botindari

Se non mi mancate per nulla ci sarà un motivo?

Siamo partiti dal “fratelli d’Italia” cantato in coro alle ore 18.00 dai nostri balconi, per giungere oggi al vaffa al vicino di casa non appena si affaccia nel balcone accanto al vostro
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Buona Pasqua

L’Augurio che sicuramente in cuor loro i siciliani si fanno, in occasione di queste festività, è che questa sia l’ultima Pasqua da reclusi e che la prossima si potrà finalmente passeggiare liberamente, ritrovando il gusto dello stare insieme, di rafforzare sentimenti di amicizia, di socialità e di solidarietà
Alpha Tauri
di Manlio Orobello

“Il Paradiso perduto“

Scendeva il crepuscolo mentre l’aereo si accingeva ad atterrare a Punta Raisi. La costa fra Carini e Capo Rama appariva già punteggiata dalle luci dei paesi e delle innumerevoli abitazioni che la costellano e che si riflettevano sempre di più nella cerchia dei monti, man mano che la luce del sole tendeva a scomparire.
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin