Coronavirus, scarcerato un altro boss: "Si dimettano ministro della Giustizia e capo del Dap" :ilSicilia.it
Messina

L'IRA DEI FIGLI DI BEPPE ALFANO

Coronavirus, scarcerato un altro boss: “Si dimettano ministro della Giustizia e capo del Dap”

di
28 Aprile 2020

«Oggi, causa coronavirus, hanno scarcerato Angelo Porcino uno dei boss della cosca barcellonese». Lo scrive su Facebook Chicco Alfano, figlio di Beppe Alfano, il giornalista di Barcellona Pozzo di Gotto (ME) ucciso dalla mafia l’8 gennaio del 1993.

alfano chiccoDuro l’affondo contro il Ministro Alfonso Bonafede (siciliano, M5s) e il capo del DAP: «Adesso basta indugiare – continua Alfano – scarcerate anche Giuseppe Gullotti, boss della mafia barcellonese e mandante dell’omicidio di mio padre e Antonino Merlino killer di mio padre. Fatelo subito non aspettate la scusa del coronavirus perché tanto lo sappiamo: ciò che iniziò 28 anni fa non si è mai fermato. In un paese civile quale NON è l’Italia sarebbero già arrivate le dimissioni del ministro della Giustizia e del capo del D.A.P. Ma noi abbiamo invece il ministro del “io non centro”, del “non è colpa mia” e dell’indifferenza».

Angelo Porcino, 63 anni, elemento di spicco della mafia di Barcellona era detenuto a Voghera, lo stesso carcere in cui si è registrata una vittima per coronavirus. Da lì è uscito pochi giorni fa anche Pino Sansone, costruttore e presunto mafioso dell’Uditore (Palermo), vicino di casa di Totò Riina nel famoso covo di via Bernini, dove nel 1993 si nascondeva il capo dei capi della mafia. Sansone, 69 anni, è stato mandato ai domiciliari per motivi di salute.

Anche Sonia Alfano, sorella di Chicco e figlia di Beppe, ha attaccato lo Stato: «L’Italia reclusa in casa, e i mafiosi liberi! In nome del Covid-19 italiano, Angelo Porcino, un altro 41/bis di mia conoscenza, ha fatto il suo rientro tra le accoglienti mura di casa a Barcellona Pozzo di Gotto. Silenzio dalle Procure Generali in merito ad eventuali impugnazioni delle scarcerazioni, silenzio dal Ministro (sa solo tacere), e silenzio da parte del capo del Dap. Preferirei, a questo punto, scarcerassero anche gli assassini di mio padre, così evitiamo la finta sorpresa e non ci giriamo tanto attorno. Fatelo, noi familiari della loro vittima, aspettiamo solo questo, per poter vivere meglio con il nostro dolore e le ingiustizie che questo stato ci impone da 27 anni. Adesso, Merlino e Gullotti liberi. Viva il Covid19, viva la trattativa Stato-mafia, viva il popolo bue italiano».
 

 

 

LEGGI ANCHE:

Mafia, c’è rischio di contagio: il Decreto Conte scarcera pericolosi boss al 41 bis

Mafiosi ai domiciliari, Fava: “Non si prenda la scusa del Covid per scarcerare i boss”

Mafia, boss ai domiciliari: “Scarcerazione non è l’unica soluzione”

© Riproduzione Riservata
Tag:

Fenomeno serie tv

di Michele Lombardo

“La casa di carta”, da flop a fenomeno planetario

Nel maggio del 2017 in Spagna viene messa in onda per la prima volta la serie tv "La casa de papel" che, dopo un lusinghiero iniziale consenso di pubblico, vede diminuire rapidamente gli ascolti - tanto che al termine della seconda stagione i produttori e di conseguenza il cast ritengono concluso il progetto

La GiombOpinione

di Il Giomba

L’epoca dell’ansia

Accusano i giovani di non buttarsi e di aver sempre più paura: siamo sicuri che sia soltanto colpa loro? Non sempre, infatti, le cose sono come sembrano...

Blog

di Renzo Botindari

Sei sempre tu “uomo del mio tempo”

E si, ci sono periodi e questi sono quelli delle mutazioni genetiche, i più fortunati stanno afferrando le scialuppe di salvataggio e qualcuno ha pure fatto fuoco su gli altri fuggitivi pur di avere un posto, gli altri provano a rifarsi una verginità
Banner Telegram

In Primis la Sicilia

di Maurizio Scaglione

Covid 19… per un nemico in più

Era il 1982, Riccardo Cocciante pubblicava il suo album ”Cocciante” e la canzone di successo fu “Per un amico in più”. In questa canzone il grande Riccardo ci descrive cosa non si fa per un amico in più.

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Classe dominante estrattiva

Nel mio ultimo saggio intitolato il lupo e l’agnello, pubblicato da Rubbettino, nelle librerie dal 1 luglio, tra i motivi del mancato sviluppo del Sud metto in evidenza quello della presenza di una classe dominante estrattiva

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.

Segreti e non misteri

di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin