Coronavirus: scontro medici-Asp di Trapani sulla gestione dell'emergenza :ilSicilia.it
Trapani

FAIDA INTERNA NELLA SANITà

Coronavirus: scontro medici-Asp di Trapani sulla gestione dell’emergenza

di
29 Marzo 2020

E’ guerra in queste ore fra l’asp di Trapani e i dottori della provincia sulla gestione dell’emergenza coronavirus.

L’area, interessata dalla presenza di una zona rossa sita nel comune di Salemi, ha una faida interna. Alla base di ciò vi è un esposto in procura, presentato dai medici locali, affiancato ad una lettera di protesta dei sanitari in servizio all’ospedale Paolo Borsellino di Marsala (Covid hospital per l’intera provincia), che mette in discussione la gestione di Fabio Damiani, dal dicembre del 2018 direttore dell’azienda.

I camici bianchi evidenziano una serie di problemi gravi, ovvero “mascherine inesistenti, commistione tra reparti Covid e non negli ospedali, medici che vanno a lavoro pur essendo positivi al test del coronaviurus”.

Nessuna emergenza dpi nei reparti Covid del trapanese, gli altri reparti come da indicazioni, non hanno protezioni alte“, dice Damiani, contestato, tra l’altro, per il caso di un medico di Castelvetrano, chirurgo in servizio all’ospedale, adesso ricoverato in terapia intensiva a Palermo, che continuò ad andare al lavoro anche dopo aver contratto il virus. “Abbiamo aperto – dice Damiani – un procedimento disciplinare per il medico e adesso stiamo valutando l’invio dei documenti in Procura“.

E’ l’assenza dei dpi ad aver scatenato, in particolare, la rabbia dei medici di medicina generale convenzionati con l’azienda ospedaliera. “Non averci fornito, e continuare a non fornirci, i dispositivi di protezione individuale, mette pertanto a rischio la nostra salute e di conseguenza quella dei nostri pazienti“, si legge nell’esposto.

Nel caso dei medici di base, che non sono nostri dipendenti, abbiamo distribuito circa 900 mascherine chirurgiche in due tranche differenti“, dice Damiani, evidenziando che “le indicazioni che ci arrivano da Oms e Iss sono quelle di destinare il Dpi ad alta protezione ai reparti covid e non anche agli altri reparti“.

© Riproduzione Riservata
Tag:

Fenomeno serie tv

di Michele Lombardo

Merchandising: Fenomeno planetario, dove acquistare

Il mio primo acquisto di un articolo legato ad una serie tv o ad una saga cinematografica è avvenuto due decenni fa quando, trovandomi a Bologna a passare il capodanno da amici, andai a visitare un negozio del quale avevo sentito parlare tra gli appassionati di fantascienza.

Wanted

di Ludovico Gippetto

Nudité: una mostra fotografica che custodisce memorie altre

Si inaugura a Ragusa la mostra fotografica "Nudité - Il Giardino di Afrodite" a cura di Giuseppe Nuccio Iacono. La collettiva nasce dal lavoro del 1° Seminario della fotografia di Nudo nell’ottobre del 2019, in collaborazione con il Festival europeo del Nudo di Arles (Francia).

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Il colpo di mano sull’autonomia differenziata

Subdolamente con un inserimento nella legge di bilancio sta passando l’autonomia differenziata. Si tratta di un collegato alla legge di bilancio fatto passare nella notte che sta riportando il tema dell’autonomia in corsa per essere approvato.
Banner Telegram

Rosso di sera

di Elio Sanfilippo

Aldo Rizzo: una risorsa sprecata

Nei giorni scorsi abbiamo appreso la triste notizia della scomparsa di Aldo Rizzo conosciuto e apprezzato prima come magistrato e poi come politico e amministratore pubblico.

In Primis la Sicilia

di Maurizio Scaglione

Una politica con troppi Capi e pochi Leader

Sono giorni frenetici per la politica nazionale e siciliana. Iniziano assemblee, vertici e riunioni dei partiti per discutere le migliori strategie, per non perdere posizioni e leadership nelle varie coalizioni. Ma tutto ciò serve veramente a qualcosa?

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.

Segreti e non misteri

di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin