Coronavirus, Serie A falcidiata. Il ministro Spadafora: "Meglio rinvii che stadi vuoti" :ilSicilia.it

I match si giocheranno il 13 maggio

Coronavirus, Serie A falcidiata. Il ministro Spadafora: “Meglio rinvii che stadi vuoti”

di
29 Febbraio 2020

L’emergenza coronavirus colpisce anche il mondo del calcio. La Serie A infatti si giocherà a mezzo servizio, a causa del rinvio di ben cinque incontri di campionato.

Le gare incriminate sono Udinese-Fiorentina, Milan-Genoa, Parma-Spal, Sassuolo-Brescia e il derby d’alta classifica Juventus-Inter. Le partite verranno recuperate il 13 maggio, in un momento critico dal punto di vista sportivo.

La decisione va a sostituire la scelta di giocare le gare a porte chiuse, considerando anche la possibile ricaduta d’immagine per i club. Si giocheranno invece a porte chiuse tre match di Serie B, ovvero Cittadella-Cremonese, Venezia-Cosenza e Chievo-Livorno. Rinviate invece le partite dei campionati di Serie D, dal girone A al girone D.

LE PAROLE DEL MINISTRO SPADAFORA

A motivare la decisione ci ha pensato il ministro dello Sport, Vincenzo Spadafora.

Vincenzo Spadafora, ministro dello Sport

La valutazione unanime dei vertici del mondo sportivo e calcistico è stata quella di prediligere il rinvio piuttosto che giocare negli stadi vuoti, tenendo conto anche delle ripercussioni a livello di immagine sul nostro paese e delle difficoltà nella programmazione di turni supplementari in un calendario mai come quest’anno denso di appuntamenti nazionali e internazionali“.

Un calendario che non concede grossi margini di manovra, vista la presenza delle Coppe Europee, degli Europei e soprattutto delle Olimpiadi di Tokyo 2020.

L’emergenza a seguito dei casi di coronavirus in Italia ha costretto il Governo e le altre Autorità a prendere decisioni impopolari, ma necessarie. Decisioni che devono essere modulate e aggiornate in base all’andamento dei dati e ai consigli della comunità scientifica“.

Sono forti, infatti, le polemiche che si sono generate a seguito della scelta di posticipare le partite in questione. Il campionato è quanto mai aperto e far giocare alcune partite in un momento difficile come il mese di maggio potrebbe compromettere le ambizioni di alcune compagini.

Ma il ministro Spadafora glissa ogni critica, ricordando che “ogni valutazione sulle ripercussioni a livello agonistico di questa decisione compete agli organi sportivi, non certo al Ministro dello Sport o al Governo“.

DISAGI PER I TIFOSI

L’emergenza coronavirus ha portato disagi a tante tifoserie, fra cui quella dell’Atalanta. In un comunicato pubblicato sui social, i supporters della Dea hanno dichiarato che non si recheranno in trasferta a Lecce. Di seguito il comunicato.

Mercoledì la trasferta di Lecce è stata aperta, venerdì è stato chiuso il settore ospiti, il sabato mattina è stato riaperto. In modo irrispettoso sono stati presi in giro tutti quei tifosi che hanno preso ferie e prenotato mezzi per muoversi. Non siamo i burattini di nessuno, quindi a Lecce non ci saremo. La dignità e il rispetto vengono prima di tutto. Curva Nord Atalanta“.

© Riproduzione Riservata
Tag:

Blog

di Renzo Botindari

La Cosa Giusta

Il mio mondo è pieno di individui che hanno preso le scorciatoie e che con la loro scarsa morale minano alla base giornalmente i nostri principi essendo esempio di una classe vincente

Rosso di sera

di Elio Sanfilippo

Fine del Referendum?

Il voto delle amministrative del 12 giugno, i suoi risultati, con l’esultanza dei vincitori e la delusione degli sconfitti con il carico di polemiche e di recriminazioni, ha messo in ombra fino alla sua rimozione

Fenomeno serie tv

di Michele Lombardo

Remake e Reboot: un fenomeno in crescita

Non è certo un fenomeno nuovo, ma negli ultimi anni con l'avvento delle piattaforme streaming e il conseguente aumento della produzione di serie tv, i remake e i reboot ( in italiano rifacimento e riavvio) sono diventati molto frequenti. La differenza tra i due termini è sostanziale:

In Primis la Sicilia

di Maurizio Scaglione

Vota e fai votare…. ma pensa con la tua testa

Vi ricordate quando, parliamo anni 60 e 70 , durante il periodo elettorale,  passavano per i quartieri le vecchie Fiat 600 con il megafono montato nel portabagagli sul tetto e gridavano con voce decisa, vota e fai votare Pinuccio Tal dei tali, per il tuo futuro , per il futuro dei tuoi figli, per il lavoro

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Il colpo di mano sull’autonomia differenziata

Subdolamente con un inserimento nella legge di bilancio sta passando l’autonomia differenziata. Si tratta di un collegato alla legge di bilancio fatto passare nella notte che sta riportando il tema dell’autonomia in corsa per essere approvato.