Coronavirus, si aggrava il bilancio in Sicilia: quasi 1500 malati, 81 i morti :ilSicilia.it

I DATI DELLA REGIONE

Coronavirus, si aggrava il bilancio in Sicilia: quasi 1500 malati, 81 i morti

31 Marzo 2020

Nell’aggiornamento delle ore 17, la Regione Siciliana ha fornito i nuovi dati in merito all’emergenza coronavirus.

I DATI

Dall’inizio dei controlli, i tamponi effettuati sono stati 15.634. Di questi sono risultati positivi 1.647 (+92 nuovi contagi rispetto a ieri), mentre, attualmente, sono ancora malate 1.492 persone (+84).

Sono ricoverati 575 pazienti (+16 rispetto a ieri), di cui 72 in terapia intensiva (-3), mentre 917 (+68) sono in isolamento domiciliare. Sul fronte guariti, la conta parla di 74 persone dimesse (+3). Sono invece 81 i decessi complessivi (+5 rispetto a ieri).

 

Questi i casi di coronavirus riscontrati nelle varie province della Sicilia: Agrigento, 91 (0 ricoverati, 2 guariti e 1 deceduto); Caltanissetta, 62 (18, 4, 4); Catania, 453 (150, 16, 29); Enna 191 (120, 1, 11); Messina, 283 (128, 10, 18); Palermo, 236 (87, 17, 9); Ragusa, 38 (10, 3, 2); Siracusa, 66 (36, 21, 6); Trapani 72 (26, 0, 1).

Il prossimo aggiornamento regionale avverrà domani. A comunicarlo è l’ufficio stampa del Governo regionale.Rispetto ai dati di ieri, si rileva un lieve aumento dei contagi e un calo delle vittime.

A tal proposito il governatore Nello Musumeci rivolge un appello a tutti i siciliani: “Rimanere a casa e rimanerci il più possibile rimane misura adeguata per limitare il contagio dai soggetti asintomatici”.

© Riproduzione Riservata
Tag:
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Magistratura e politica

Dal blog "Segreti e non misteri", Alberto Di Pisa riflette sul difficile rapporto fra magistratura e politica, in uno sistema di diritto come quello italiano.
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.