Coronavirus: slitta a domani l'ordinanza di Musumeci, ecco le ultime :ilSicilia.it

RAZZA: "SITUAZIONE IN LINEA CON IL RESTO D'ITALIA"

Coronavirus: slitta l’ordinanza di Musumeci, ecco le ultime

di
9 Dicembre 2020

Slitta a domani l’ordinanza del presidente Nello Musumeci che andrà a disciplinare la gestione dell’emergenza coronavirus, durante le festività di Natale.

LE MISURE

Saranno temi centrali del testo i rientri all’interno del territorio regionale e le regole per gli acquisti natalizi.

Sul primo aspetto, è stato chiesto al Comitato Tecnico Scientifico Regionale di prevedere protocolli da adottare nei principali scali siciliani. L’obiettivo è quello di rafforzare i controlli negli aeroporti isolani. Saranno previsti termoscanner e tamponi da effettuare all’arrivo in aeroporto. Possibile anche l’opzione di un “suggerimento” di effettuazione dell’esame, anche privatamente, da programmare tre giorni prima della partenza.

Discorso diverso per chi arriva con mezzi su terra. Tali soggetti verranno smistati sui drive-in covid, che aumenteranno nuovamente il loro regime di attività.

Sul secondo punto invece, si va verso una delega di responsabilità ai Comuni, che saranno chiamati a redigere le regole caso per caso, tenendo presente gli afflussi di gente nelle aree commerciali, soprattutto a ridosso del Natale, e la necessità di limitare al minimo gli assembramenti nelle città siciliane.

L’ASSESSORE RAZZA: “SITUAZIONE IN LINEA CON IL RESTO D’ITALIA”

In merito alla gestione dell’emergenza coronavirus in Sicilia, l’assessore regionale alla Salute, Ruggero Razza, è così intervenuto a SkyTg24.

La situazione in Sicilia è in linea con quello che accade in tutta Italia. Stiamo assistendo – aggiunge – ad un minor numero di contagi, ad un peso sensibilmente più basso nelle strutture ospedaliere e ad una minore pressione nei pronto soccorso. Negli ultimi giorni abbiamo avuto un sensibile calo dei posti occupati in terapia intensiva, sono diminuiti i ricoveri e i tempi di degenza“.

Abbiamo una rete ospedaliera che garantisce 720 posti di terapia intensiva. Le Regioni che fanno maggior caccia al virus, siamo la seconda regione, sono quelle che pagano di più nel prezzo di positività. Più tamponi antigenici faccio, maggiori positivi trovo e più si innalza la percentuale di positivi“.

In Sicilia è in arrivo una nuova ordinanza “in vista delle festività natalizie”, il cui perno è costituito dai “rientri” nell’isola e “gli assembramenti nelle aree commerciali” e i “controlli che dovranno essere fatti. Il terzo elemento – aggiunge – è il ruolo che dovranno scvolgere i medici di medicina generale“.

© Riproduzione Riservata
Tag:

Fenomeno serie tv

di Michele Lombardo

Serie Tv Medical Drama: Emozioni in corsia

Di serie tv Medical Drama ( serie tv ambientate in ospedale) ne sono state realizzate moltissime; soprattutto in questi ultimi anni, alcune  hanno riscosso un tale successo che i protagonisti sono diventati i medici o gli infermieri che tutti noi vorremmo incontrare
Banner Telegram

In Primis la Sicilia

di Maurizio Scaglione

Covid 19… per un nemico in più

Era il 1982, Riccardo Cocciante pubblicava il suo album ”Cocciante” e la canzone di successo fu “Per un amico in più”. In questa canzone il grande Riccardo ci descrive cosa non si fa per un amico in più.

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Classe dominante estrattiva

Nel mio ultimo saggio intitolato il lupo e l’agnello, pubblicato da Rubbettino, nelle librerie dal 1 luglio, tra i motivi del mancato sviluppo del Sud metto in evidenza quello della presenza di una classe dominante estrattiva

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.

Segreti e non misteri

di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin