Coronavirus: sospesi i campionati di basket e pallavolo, a porte chiuse mezza Serie A :ilSicilia.it

NEL FRATTEMPO IL CALCIO VA AVANTI

Coronavirus: sospesi i campionati di basket e pallavolo, a porte chiuse mezza Serie A

di
26 Febbraio 2020

Il coronavirus continua a falcidiare lo sport in ambito regionale e nazionale.

A seguito dell’aumento dei casi di contagio, sono diverse le competizioni che saranno sospese per salvaguardare la salute pubblica. Fra queste, è già arrivata l’ufficialità della sospensione dei campionati di basket di qualunque ordine e categoria.

La Federazione Italiana Pallacanestro, di concerto con la Lega Basket Serie A, la Lega Nazionale Pallacanestro e la LegA Basket femminile, preso atto dei provvedimenti governativi e regionali in tema di salvaguardia della salute pubblica, dispone la sospensione, ed il conseguente rinvio, di tutte le gare del prossimo turno di Serie A, A2 e B maschile, della Serie A1 e A2 femminile. La Federazione continuerà ovviamente a monitorare con il massimo scrupolo l’evolversi della situazione sul territorio Nazionale, riservandosi di assumere ulteriori provvedimenti“.

Seap Dalli Cardillo Aragona - Torre AnnunziataRinviate quindi le partite di Trapani, Agrigento e Capo d’Orlando in Serie A2 maschile, nonché i match di SBC Palermo e Virtus Eirene Ragusa in Serie A1 femminile.

Allo stesso modo, la Federazione Italiana Pallavolo (FIPAV) ha deciso di posticipare la prossima giornata di campionato. Stop quindi per la Sigel Marsala e per la Seap Dalli Cardillo Aragona. In particolare, le due formazioni femminili si sfideranno in una gara amichevole a porte chiuse da giocare questo sabato. L’obiettivo è quello di mantenere una buona condizione in vista del finale di stagione.

La compagine del presidente Nino Di Giacomo è attualmente prima nel girone D di Serie B1 e lotta per un posto nella pallavolo che conta. La Sigel invece cerca di mantenere la serie positiva delle ultime partite per disputare al meglio la poule salvezza.

IL CALCIO VA AVANTI, 5 MATCH A PORTE CHIUSE IN SERIE A

Nel frattempo però, il calcio continua ad andare avanti. La FIGC ha disposto al momento la chiusura dei match di Serie D dal girone A al girone D, ovvero quelli settentrionali. È stato inoltre previsto di giocare cinque partite di Serie A a porte chiuse, ovvero Juventus – Inter, Milan-Genoa, Parma-Spal, Sassuolo-Brescia ed Udinese-Fiorentina, mentre si attendono sviluppi relativamente alla situazione della Serie B.

Una decisione corretta e sorretta dal buon senso, su cui è arrivato il si anche dal governo nazionale. Forse è mancato un coordinamento fra le federazioni, forse si è peccato di eccessivo allarmismo, ma adesso alcune squadre potrebbero trovarsi in difficoltà dal punto di vista logistico, nonché fisico. Ad esempio le ragazze del basket femminile dovranno giocare due turni infrasettimanali nel mese di marzo, ovviamente se si vorrà rispettare le date dei play-off.

Agli inizi di aprile, infatti, è previsto l’inizio della Coppa Italia e questo impedisce recuperi in quella zona temporale. Staremo a vedere quello che succederà.

© Riproduzione Riservata
Tag:
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Cosa succederà dopo Orlando?

Un articolo di Maurizio Zoppi per IlSicilia.it ha sollevato un problema molto importante per la città di Palermo. Chi sarà il successore di Orlando e, soprattutto, che succederà dopo Orlando?
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Mafia e antimafia

Dovendo parlare di mafia ed antimafia non si può non andare con la mente al 10 gennaio 1987 allorquando Leonardo Sciascia rilasciò una intervista al Corriere della Sera parlando di professionisti dell’antimafia
Wanted
di Ludovico Gippetto

L’archeologia del “Do not cross” come tutela

Rubare nei siti archeologici è gravissimo. Un argomento molto caro all’archeologo Sebastiano Tusa, fermo sostenitore del principio del "Do not cross". Dove gli oggetti antichi vanno guardati ma non decontestualizzati rispetto all’ambiente di provenienza.
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.