Coronavirus: tecnico radiologo positivo all'ospedale Cervello di Palermo :ilSicilia.it
Palermo

il fatto

Coronavirus: tecnico radiologo positivo all’ospedale Cervello di Palermo

di
16 Ottobre 2020

Un tecnico di Radiologia dell’Ospedale Cervello di Palermo è risultato positivo al Covid19. Si tratta di una persona adibita tanto agli esami clinici in area Covid quanto agli esami diagnostici ovvero principalmente radiografie, fatte ai bambini del pronto soccorso pediatrico dello stesso Ospedale Cervello. A confermare la positività del tecnico è la stessa direzione sanitaria dell’Ospedale Villa Sofia Cervello.

“L’azienda ospedaliera conferma la positività del tecnico di radiologia al Covid19 ma precisa che nella serata di ieri sera tale tecnico ha eseguito un solo esame radiografico presso il pronto soccorso pediatrico del presidio Cervello” . Dunque nessun rischio per i piccoli pazienti che si sono rivolti al pronto soccorso pediatrico. L’azienda sottolinea inoltre che, “il personale sanitario alle nostre dipendenze svolge la propria attività seguendo le procedure operative definite per la sicurezza e la tutela di dipendenti e pazienti, compreso l’uso de dispositivi di protezione individuale”.

© Riproduzione Riservata
Tag:
L'angolo della dietista
di Marina Sutera

La parola ‘dieta’

Dieta è un termine di origine greca che vuol dire appunto “stile di vita” intesa come abitudini alimentari corrette supportate da un’adeguata attività fisica
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Scandali in Vaticano

E’ di questi giorni lo scandalo che ha coinvolto il Vaticano e ha portato alla decisione di Papa Francesco di far dimettere il cardinale Angelo Becciu, diplomatico di carriera, dalla guida della Congregazione dei Santi e dalle funzioni di cardinale.
Come se fosse Antani
di Giovanna Di Marco

Docenti indecenti

Noi docenti siamo dei ladri: abbiamo tre mesi di vacanza in estate, rubiamo lo stipendio anche durante le vacanze di Natale e di Pasqua, per
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.