Coronavirus, Triolo (Lega): "Imprenditori in crisi, troppa burocrazia in banca per il fido" :ilSicilia.it
Palermo

La denuncia del commissario provinciale

Coronavirus, Triolo (Lega): “Imprenditori in crisi, troppa burocrazia in banca per il fido”

4 Aprile 2020

“In provincia di Palermo un imprenditore, dopo i roboanti annunci di Conte, va in banca per un fido di 15.000 euro e la risposta sono 60 giorni e migliaia di carte per valutare. Che fare? Finire nelle mani della criminalità? Lui si è rifiutato di abbassarsi a tanto!”. A segnalare questa drammatica vicenda è Antonio Triolo, commissario provinciale della Lega Palermo, con un post su Facebook.

Mi ha mandato la lettera in copia e mi ha raccontato la sua storia e il punto a cui è arrivato per colpa di questa emergenza – racconta il commissario provinciale -: chiedersi se, piuttosto che chiedere aiuto alle banche ed allo Stato, non fosse meglio rivolgersi allo “Zio Totò” di turno (che qui in Sicilia si chiama #mafia ed altrove usuraio) ma, come la si chiami, è feccia che attende chi è in difficoltà come gli avvoltoi volteggiano sui moribondi. Lui ci ha pensato per un attimo e se ne è vergognato anche grazie al pensiero di sua figlia. Non lo farà e lotterà ma vi assicuro che a me sono venuti i brividi a leggerlo e ad ascoltarlo e che tanti rischiano di non avere la sua forza”.

“Pubblico un’immagine della lettera in questo modo per evitare di diffonderne i dati personali ma sappiate che questa è la situazione: mentre Conte va in televisione ogni sera con annunci di misure e provvedimenti inadeguati, imprenditori e partite iva falliscono o rischiano di finire nelle mani di cosanostra“.

“Caro governo – conclude Triolo -, non servono misure confuse e cavilli che solo ad interpretarle ci vogliono eserciti di consulenti, servono soldi in tasca a persone ed imprese e servono subito. Basta annunci, basta burocrazia… soldi subito”.

© Riproduzione Riservata
Tag:
Il cielo di Paz
di Mari Albanese

Lettera di un’adolescente dalla sua quarantena

Oggi la mia rubrica ospita una lettera molto intensa scritta da un’adolescente che ci narra i suoi giorni di quarantena. Osservare la vita attraverso i social e distanti dagli affetti più importanti per i giovanissimi è stato molto faticoso. Possono i libri aiutare a lenire la solitudine?
Wanted
di Ludovico Gippetto

L’archeologia del “Do not cross” come tutela

Rubare nei siti archeologici è gravissimo. Un argomento molto caro all’archeologo Sebastiano Tusa, fermo sostenitore del principio del "Do not cross". Dove gli oggetti antichi vanno guardati ma non decontestualizzati rispetto all’ambiente di provenienza.
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.