Coronavirus, Triolo (Lega): "Imprenditori in crisi, troppa burocrazia in banca per il fido" :ilSicilia.it
Palermo

La denuncia del commissario provinciale

Coronavirus, Triolo (Lega): “Imprenditori in crisi, troppa burocrazia in banca per il fido”

di
4 Aprile 2020

“In provincia di Palermo un imprenditore, dopo i roboanti annunci di Conte, va in banca per un fido di 15.000 euro e la risposta sono 60 giorni e migliaia di carte per valutare. Che fare? Finire nelle mani della criminalità? Lui si è rifiutato di abbassarsi a tanto!”. A segnalare questa drammatica vicenda è Antonio Triolo, commissario provinciale della Lega Palermo, con un post su Facebook.

Mi ha mandato la lettera in copia e mi ha raccontato la sua storia e il punto a cui è arrivato per colpa di questa emergenza – racconta il commissario provinciale -: chiedersi se, piuttosto che chiedere aiuto alle banche ed allo Stato, non fosse meglio rivolgersi allo “Zio Totò” di turno (che qui in Sicilia si chiama #mafia ed altrove usuraio) ma, come la si chiami, è feccia che attende chi è in difficoltà come gli avvoltoi volteggiano sui moribondi. Lui ci ha pensato per un attimo e se ne è vergognato anche grazie al pensiero di sua figlia. Non lo farà e lotterà ma vi assicuro che a me sono venuti i brividi a leggerlo e ad ascoltarlo e che tanti rischiano di non avere la sua forza”.

“Pubblico un’immagine della lettera in questo modo per evitare di diffonderne i dati personali ma sappiate che questa è la situazione: mentre Conte va in televisione ogni sera con annunci di misure e provvedimenti inadeguati, imprenditori e partite iva falliscono o rischiano di finire nelle mani di cosanostra“.

“Caro governo – conclude Triolo -, non servono misure confuse e cavilli che solo ad interpretarle ci vogliono eserciti di consulenti, servono soldi in tasca a persone ed imprese e servono subito. Basta annunci, basta burocrazia… soldi subito”.

© Riproduzione Riservata
Tag:
Alpha Tauri
di Manlio Orobello

Vaccini, basta chiacchiere!

La consueta girandola dei colori delle regioni italiane colpisce ancora. Sembra di guardare dentro un caleidoscopio nel quale le forme ed i colori cambiano ad ogni movimento dell’oggetto

In ricordo del Gattopardo: un romanzo che ci aiutò a capire la Sicilia e i siciliani

L’11 novembre 1958, usciva per i tipi della casa editrice Feltrinelli, Il Gattopardo, capolavoro e unico romanzo di Giuseppe Tomasi principe di Lampedusa. Il successo editoriale, in parte inaspettato, fu eccezionale, le edizioni si susseguirono una dopo l’altra con un ritmo che si riscontra in pochissimi casi per quanto riguarda il nostro panorama editoriale
Blog
di Giovanna Di Marco

Lidliota. E non è un romanzo

Ora mi chiedo come ci siamo ridotti se davvero su internet vanno a ruba le scarpe vendute alla Lidl a prezzi esorbitanti, perché pare che
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin