Coronavirus, un caso sospetto a Siracusa :ilSicilia.it
Siracusa

AVVIATO IL PROTOCOLLO DI SICUREZZA

Coronavirus, un caso sospetto a Siracusa

17 Febbraio 2020

Possibile caso di Coronavirus a Siracusa.

Un cinese, residente a Siracusa, è sotto osservazione da ieri all’ospedale “Umberto I”. Nonostante non presenti stato febbrile, l’uomo ha manifestato tosse ed altri sintomi influenzali ed è quindi monitorato all’interno del nosocomio. I medici hanno avviato il protocollo di sicurezza.

Dalle prime analisi non sembrano emergere indicazioni preoccupanti ma si attendono i risultati del test specifico eseguito e subito inviato al centro di riferimento di Catania. Nelle prossime ore, l’Azienda sanitaria provinciale renderà noti i risultati degli esami.

NOTIZIA IN AGGIORNAMENTO

Dai primi accertamenti sembrerebbe che non ci siano elementi clinici preoccupanti. Per avere ogni certezza bisognerà comunque attendere i risultati del tampone faringeo, che saranno resi noti dall’Asp di Siracusa nelle prossime ore.

Tag:

La pittrice della Via Crucis | LE FOTO

Con questo bell'articolo sulla pittrice Maria Pia De Angelis si inaugura oggi "L'Occhiotriquetro - note e postille", la nuova rubrica di Piero Longo, poeta, critico teatrale, critico e storico dell'arte, nonché presidente de "Gli Amici del Teatro Biondo" e presidente onorario di "Italia Nostra Palermo"
Il cielo di Paz
di Mari Albanese

Ad Alimena la Misericordia cuce le mascherine per tutti

La Misericordia di Alimena, che da anni opera nel sociale ed è fautrice di tante belle iniziative, ha iniziato a produrre le mascherine. Saranno distribuite gratuitamente a chi ne farà richiesta e sono già state stilate diverse liste per andare incontro soprattutto alle esigenze di tanti anziani.
Sanità in Sicilia
di Salvatore Corrao

Covid 19: cosa è bene sapere

Tutti e tre questi virus hanno come serbatoio animale i pipistrelli. Il passaggio delle infezioni virali da animale a uomo sono molto rare ma nel caso dei coronavirus sopra riportati il virus è riuscito a passare nell’essere umano e si è diffuso da persona a persona