Coronavirus, università chiusa a Palermo. Cisl e Snals: "L'ateneo corregga il provvedimento" :ilSicilia.it
Palermo

in riferimento al personale TAB

Coronavirus, università chiusa a Palermo. Cisl e Snals: “L’ateneo corregga il provvedimento”

di
26 Febbraio 2020

In riferimento alla nota prot. 17638, si rimane come sempre basiti, anche se purtroppo ormai è diventata una consuetudine, nel constatare come il Rettore e il Direttore Generale, quando parlano e scrivono di comunità universitaria, escludono, dalla riferita comunità, il personale TAB“. Così i sindacati Cisl e Snals commentano in una nota l’emergenza coronavirus e i provvedimenti presi a riguardo.

Prendiamo atto  che con nota prot. 17842, vi è stato un parziale ravvedimento del Rettore e del Direttore Generale che hanno tentano di recuperare la mortificante esclusione, del personale TAB, dal provvedimento prot. 17638.  – continua la nota – Tentativo riuscito male. Infatti la governance, rispondendo prontamente a alcune OO.SS. (sic!), metodo sicuramente non usuale da parte dei vertici di questo Ateneo, si “accorgono”, che, la componente Tecnico Amministrativa e Bibliotecaria, che opera presso le segreterie studenti e che fa front-office, è la componente più esposta ai rischi di eventuali contagi. Ma ancora una volta è la solita toppa, un tentativo mal riuscito, visto che molte altre strutture dell’Ateneo fanno servizio di ricevimento al pubblico, come i Dipartimenti, le Biblioteche etc., anche se con numeri diversi, sono comunque numeri importanti che mortificano l’efficacia del provvedimento”.

Probabilmente il Rettore ed il Direttore Generale  – proseguono i sindacati – sono stati tratti in errore dai sindacati in indirizzo alla nota 17842 e citati nel provvedimento e si sono dimenticati entrambi della complessa attività che viene svolta diffusamente in tutta l’Università. Il provvedimento, assunto in totale autonomia e “non concertata”, ritenuto fra l’altro “inappropriato”, dal Presidente della Regione Siciliana sarebbe dovuto scaturire con una serie di accorgimenti da consentire, così come accennato sopra, ad una reale e seria efficacia del provvedimento. Secondo le scriventi OO.SS., i vertici dell’Università di Palermo farebbero bene a correggere ulteriormente il provvedimento, intanto tenendo presente che nella Comunità Accademica esiste il Personale TAB, che se pur con ruoli diversi è pilastro imprescindibile dell’Università di Palermo, e che per emergenze di tal natura non sono utili provvedimenti a macchie di leopardo, e che deve esserci una sinergica collaborazione con tutte le istituzioni in un momento così delicato”.

“Non vorremo ritrovarci a risalire il fiume e “….trovare la foresta pluviale è disboscata, gli animali abbattuti dai cacciatori, i villaggi infestati dal colera” concludono Cisl e Snals citando Gabriel García Márquez

© Riproduzione Riservata
Tag:
Blog
di Renzo Botindari

“Credete che stiano dormendo?”

Non voglio ritornare a quel mondo malato, Io mi auguro di venirne fuori, quantomeno fisicamente, ma dovremmo fare un patto, un vero patto collettivo affinché si prenda insegnamento di tutto quanto ciò e si possa per una volta dire: “mai più!”. La riflessione di Epruno.
Balzebù
di Balzebù

M5S, la nuova spaccatura che sa di rottura definitiva del giocattolo

E’ cominciata molto prima del previsto la parabola discendente del Movimento 5 stelle. Probabilmente, non arriverà neanche alle prossime elezioni. Il disfacimento della creatura di Beppe Grillo è sotto gli occhi tutti. Ma nessuna sorpresa: un partito fondato soltanto sulla protesta non poteva avere un futuro

‘La caduta, eventi e protagonisti in Sicilia: 1972-1994’: l’analisi di Calogero Pumilia

Calogero Pumilia, per oltre vent’anni deputato democristiano, nel suo “La Caduta. Eventi e protagonisti in Sicilia 1972-1994“, in libreria in questi giorni, ci offre un contributo in questo senso regalandoci una lettura dal di dentro che consente di farci scoprire come molte leggende metropolitane, spacciate per verità storica, debbano essere riviste.
Blog
di Giovanna Di Marco

Lidliota. E non è un romanzo

Ora mi chiedo come ci siamo ridotti se davvero su internet vanno a ruba le scarpe vendute alla Lidl a prezzi esorbitanti, perché pare che
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin