Coronavirus, zone rosse per contenere i contagi: la Regione pensa a una nuova ordinanza :ilSicilia.it

per rafforzare le misure anti-covid

Coronavirus, zone rosse per contenere i contagi: la Regione pensa a una nuova ordinanza

di
21 Settembre 2020

Zone rosse “ad hoc” e nuove norme comportamentali per limitare i contagi da Coronavirus. In vista del 30 settembre, data in cui scadrà l’ultima ordinanza del presidente Nello Musumeci sulla gestione della pandemia in Sicilia, il governo regionale pensa di rafforzare le misure anti Covid.

Come? Seguendo il modello adottato nelle quattro strutture della missione Speranza e Carità di Biagio Conte. In fase di rinnovo dell’ordinanza, infatti, potrebbe essere prevista l’attivazione di zone rosse per circoscrivere gli spostamenti dei contagiati. Nessun blocco totale, quanto piuttosto la possibilità di limitare i movimenti in singole strade o quartieri dove si rileva la presenza di un focolaio. Escluse ampie zone rosse come durante il lockdown.

Dopo il confronto con gli altri presidenti di Regione, anche in Sicilia potrebbe essere emessa un’ordinanza con nuove misure comportamentali per arginare il virus.

© Riproduzione Riservata
Tag:
L'angolo della dietista
di Marina Sutera

La parola ‘dieta’

Dieta è un termine di origine greca che vuol dire appunto “stile di vita” intesa come abitudini alimentari corrette supportate da un’adeguata attività fisica
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Scandali in Vaticano

E’ di questi giorni lo scandalo che ha coinvolto il Vaticano e ha portato alla decisione di Papa Francesco di far dimettere il cardinale Angelo Becciu, diplomatico di carriera, dalla guida della Congregazione dei Santi e dalle funzioni di cardinale.
Come se fosse Antani
di Giovanna Di Marco

Docenti indecenti

Noi docenti siamo dei ladri: abbiamo tre mesi di vacanza in estate, rubiamo lo stipendio anche durante le vacanze di Natale e di Pasqua, per
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.