Corruzione al Comune di Palermo? Orlando tragga le conclusioni e dia un segnale :ilSicilia.it
Palermo

l'editoriale del direttore responsabile

Corruzione al Comune di Palermo? Orlando tragga le conclusioni e dia un segnale

di
2 Marzo 2020

Sono passati molti anni da quando a Palermo la celebre e discutibile frase «Il sospetto è l’anticamera della verità» era il manifesto di una stagione politica. Era la stagione della cosiddetta Primavera di Palermo, rappresentata da quel sindaco Leoluca Orlando, che – nonostante i decenni trascorsi – è lo stesso di oggi.

Per l’orlandismo di quegli anni, un’inchiesta come quella che sabato scorso ha decapitato il consiglio comunale di Palermo, con l’arresto dei capigruppo di PD e Italia viva, di dirigenti e funzionari e di imprenditori, sarebbe stata sufficiente a mettere in atto la leva del sospetto, per chiedere l’azzeramento di tutto.

E invece, l’orlandismo di oggi è quello in cui negli ultimi anni il primo cittadino si è ricostruito una propria immagine con slogan su temi quali l’accoglienza dei migranti o le cosiddette famiglie arcobaleno, dimenticando o mettendo in secondo piano – è la sensazione di molti –  il governo della città. Un “vuoto amministrativo”, nel quale si sono inseriti i comitati d’affare – quelli sempre attivi e operativi – che, dall’inchiesta della magistratura, pare abbiano messo attorno allo stesso tavolo politici corrotti, pubblici funzionari, dirigenti infedeli e imprenditori, il tutto con l’occhiolino strizzato di qualche mafioso di ultima generazione.

L’intreccio scoperchiato dai pm, poi, chiama in causa pesantemente i due principali partiti del centrosinistra, il PD e “Italia viva”: il primo non è di certo una forza marginale, ma il partito del sindaco Orlando (nonostante questi continui a ripetere come un mantra “il mio partito è Palermo“), mentre il secondo fino a ieri era guidato da Sandro Terrani, ovvero colui che è stato negli ultimi anni il capogruppo della lista orlandiana per eccellenza, il suo Movimento 139. La stessa lista nella quale – per inciso – era candidata anche la compagna di Giuseppe Monteleone, uno dei dirigenti arrestati.

La sospensione dei due consiglieri coinvolti, alla luce dei fatti, appare solo una prima misura tampone, perché forse sarebbe più opportuno che il governo nazionale – attraverso la prefettura – inviasse gli ispettori al Comune di Palermo ed eventualmente disponesse la misura eccezionale dello scioglimento del Consiglio comunale, con il conseguente azzeramento di tutte le cariche istituzionali. Ma come palermitani, attendiamo un gesto anche da parte di Leoluca Orlando: abbia il sindaco uno scatto d’orgoglio, non quello ideologico e anti salviniano a cui ci ha abituato negli ultimi tempi, ma quello legalitario dei tempi d’oro della Primavera di Palermo che ne hanno decretato la sua fortuna politica. Potrebbe anticipare lui un eventuale provvedimento governativo e, al di là di qualsiasi intervento dall’alto, formulare le proprie dimissioni, motivandole con la necessità di ristabilire nella quinta città d’Italia da lui amministrata i principi di legalità, di correttezza e di trasparenza della pubblica amministrazione, che, stando alle carte dei pm, sono mancati clamorosamente.

Sarebbe questo un segnale di grande unità, di grande responsabilità, e ridarebbe fiducia a una città che si sente presa in giro da una politica sempre più lontana dall’interesse di tutti e sempre più autocelebrativa o nel peggiore dei casi, come evidenziato dai magistrati, protesa al malaffare.

I rimpasti di giunta stanno a zero, caro sindaco. I fatti che si aspettano i palermitani onesti sono altri!

LEGGI ANCHE:

Terremoto al Comune di Palermo, il pentito: “Li Castri è persona del sindaco Orlando”

Corruzione, arrestati a Palermo i capigruppo di Pd e “Italia viva” al Comune | VIDEO

© Riproduzione Riservata
Tag:

Blog

di Renzo Botindari

La Cosa Giusta

Il mio mondo è pieno di individui che hanno preso le scorciatoie e che con la loro scarsa morale minano alla base giornalmente i nostri principi essendo esempio di una classe vincente

Rosso di sera

di Elio Sanfilippo

Fine del Referendum?

Il voto delle amministrative del 12 giugno, i suoi risultati, con l’esultanza dei vincitori e la delusione degli sconfitti con il carico di polemiche e di recriminazioni, ha messo in ombra fino alla sua rimozione

Fenomeno serie tv

di Michele Lombardo

Remake e Reboot: un fenomeno in crescita

Non è certo un fenomeno nuovo, ma negli ultimi anni con l'avvento delle piattaforme streaming e il conseguente aumento della produzione di serie tv, i remake e i reboot ( in italiano rifacimento e riavvio) sono diventati molto frequenti. La differenza tra i due termini è sostanziale:

In Primis la Sicilia

di Maurizio Scaglione

Vota e fai votare…. ma pensa con la tua testa

Vi ricordate quando, parliamo anni 60 e 70 , durante il periodo elettorale,  passavano per i quartieri le vecchie Fiat 600 con il megafono montato nel portabagagli sul tetto e gridavano con voce decisa, vota e fai votare Pinuccio Tal dei tali, per il tuo futuro , per il futuro dei tuoi figli, per il lavoro

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Il colpo di mano sull’autonomia differenziata

Subdolamente con un inserimento nella legge di bilancio sta passando l’autonomia differenziata. Si tratta di un collegato alla legge di bilancio fatto passare nella notte che sta riportando il tema dell’autonomia in corsa per essere approvato.