Corruzione, arrestati l'armatore Morace (Liberty Lines) e il deputato regionale Fazio :ilSicilia.it

Arrestati l’armatore Morace (Liberty Lines) e il deputato regionale Fazio

di
19 Maggio 2017
Arrestati l’armatore Ettore Morace, presidente della compagnia di navigazione “Liberty lines” (già Ustica Lines), il deputato regionale Girolamo (Mimmo) Fazio e il funzionario della Regione Giuseppe Montalto, segretario particolare dell’assessore alle infrastrutture Giovanni Pistorio e segretario dell’ex assessore Giovanni Pizzo. Fazio e Montalto sono finiti ai domiciliari.
Ad arrestarli sono stati i Carabinieri di Palermo e Trapani che hanno eseguito un provvedimento di custodia cautelare emesso dal Gip del Tribunale di Palermo, su richiesta della locale Procura della Repubblica.
Il reato contestato è corruzione e la vicenda fa riferimento a presunte mazzette per la gestione dei fondi nel settore del trasporto marittimo. L’inchiesta è coordinata dal procuratore capo di Palermo Francesco Lo Voi e dall’aggiunto Dino Petralia.
Un’altra bomba esplode dunque sulle elezioni comunali di Trapani del prossimo 11 giugno, dopo che ieri la polizia aveva notificato la richiesta di obbligo di soggiorno per il senatore Antonino D’Alì, pure lui candidato sindaco.
Peraltro, proprio Fazio aveva indicato la signora Morace, moglie del padre di Ettore, come assessore in caso di vittoria.
Mimmo Fazio, già sindaco di Trapani, il 28 ottobre 2012 era stato eletto deputato all’Assemblea regionale siciliana più votato nella lista del Popolo della Libertà nel collegio provinciale di Trapani con 6.283 voti.  Nel febbraio 2017, a seguito di una causa civile, era stato dichiarato decaduto con un voto dal consiglio comunale di Trapani, ma nell’aprile successivo era stato reintegrato dal tribunale. Sempre ad aprile ha annunciato la sua candidatura per un terzo mandato da sindaco di Trapani. Adesso era in corsa a primo cittadino della città siciliana, sostenuto da Lista per Fazio, Uniti per il futuro, Progetto per Trapani, Trapani tua, Io ci sono.
Morace è stato direttore commerciale dei Cantieri Navali Rodriquez di Messina e Pietra Ligure. È stato nominato nel 2011 Presidente e Amministratore Delegato della newco CIN (Compagnia Italiana di Navigazione), società nata per rilevare la ex Tirrenia di navigazione. Il 7 luglio 2015 ha rassegnato le dimissioni dall’incarico di amministratore delegato e direttore generale di “Tirrenia Compagnia Italiana di Navigazione” e nell’agosto dello stesso anno è diventato amministratore delegato di Ustica Lines, di cui è presidente dall’aprile 2016.
© Riproduzione Riservata
Tag:

Blog

di Renzo Botindari

La strada ed il pallone

Quanti di voi sono cresciuti giocando per strada, hanno frequentato le scuole pubbliche, dovendo crescere a volta prima del previsto? Cosa oggi hanno imparato e cosa possono consigliare alle nuove generazioni?

Fenomeno serie tv

di Michele Lombardo

Serie Tv: tante le novità in arrivo

Terminato o allentato il blocco delle produzioni a causa della pandemia, le nuove stagioni di molte Serie tv (alcune delle quali  attesissime perché conclusive) arriveranno a breve sugli schermi

Rosso di sera

di Elio Sanfilippo

Aldo Rizzo: una risorsa sprecata

Nei giorni scorsi abbiamo appreso la triste notizia della scomparsa di Aldo Rizzo conosciuto e apprezzato prima come magistrato e poi come politico e amministratore pubblico.

In Primis la Sicilia

di Maurizio Scaglione

Una politica con troppi Capi e pochi Leader

Sono giorni frenetici per la politica nazionale e siciliana. Iniziano assemblee, vertici e riunioni dei partiti per discutere le migliori strategie, per non perdere posizioni e leadership nelle varie coalizioni. Ma tutto ciò serve veramente a qualcosa?

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Classe dominante estrattiva

Nel mio ultimo saggio intitolato il lupo e l’agnello, pubblicato da Rubbettino, nelle librerie dal 1 luglio, tra i motivi del mancato sviluppo del Sud metto in evidenza quello della presenza di una classe dominante estrattiva

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.

Segreti e non misteri

di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin