Corruzione e sanità, anche Candela non risponde al gip :ilSicilia.it

silenzio

Corruzione e sanità, anche Candela non risponde al gip

di
26 Maggio 2020

L’ex commissario per l’emergenza Covid in Sicilia, Antonino Candela, si è avvalso della facoltà di non rispondere davanti al gip Claudia Rosini.

Da giovedì l’ex manager dell’azienda sanitaria provinciale di Palermo è agli arresti domiciliari con l’accusa di corruzione nell’ambito dell’inchiesta Sorella Sanità: avrebbe preteso, assieme al manager dell’Asp di Trapani Fabio Damiani, tangenti del 5% su una serie di appalti riguardanti servizi sanitari e ospedalieri. Anche Damiani, che invece e’ in carcere, ieri si era avvalso della facoltà di non rispondere.

L’ex commissario anti-covid secondo la procura di Palermo, doveva essere portato in carcere ma il giudice gli ha concesso gli arresti in casa.

 

 

LEGGI ANCHE:

Sanità e corruzione, gli indagati non rispondono al gip

Mazzette per pilotare appalti da 600 milioni, trema la sanità siciliana: arrestato anche il manager Candela | VIDEO

Corruzione nella sanità siciliana, Razza: “Quadro impietoso, immediati i provvedimenti”

Mazzette sanità in Sicilia, Razza: “Deluso per condotta morale dei personaggi. Verificheremo rete complicità” | VIDEO

Terremoto nella sanità siciliana: Musumeci revoca l’incarico a Candela

Sanità e corruzione, gli indagati non rispondono al gip

© Riproduzione Riservata
Tag:
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Cosa succederà dopo Orlando?

Un articolo di Maurizio Zoppi per IlSicilia.it ha sollevato un problema molto importante per la città di Palermo. Chi sarà il successore di Orlando e, soprattutto, che succederà dopo Orlando?
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Mafia e antimafia

Dovendo parlare di mafia ed antimafia non si può non andare con la mente al 10 gennaio 1987 allorquando Leonardo Sciascia rilasciò una intervista al Corriere della Sera parlando di professionisti dell’antimafia
Wanted
di Ludovico Gippetto

L’archeologia del “Do not cross” come tutela

Rubare nei siti archeologici è gravissimo. Un argomento molto caro all’archeologo Sebastiano Tusa, fermo sostenitore del principio del "Do not cross". Dove gli oggetti antichi vanno guardati ma non decontestualizzati rispetto all’ambiente di provenienza.
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.