Corte dei Conti: condannato ex giudice a Palermo, chiesto risarcimento 315 mila euro :ilSicilia.it
Palermo

L'ex giudice non togato del Cga di Palermo, Giuseppe Mineo

Corte dei Conti: condannato ex giudice a Palermo, chiesto risarcimento 315 mila euro

di
4 Agosto 2020

L’ex giudice non togato del Cga di Palermo, Giuseppe Mineo, è stato condannato dai giudici della Corte dei Conti presieduti da Guido Carlino, a risarircire il Consiglio di Stato con 315 mila euro “in quanto, secondo l’accusa, nella sua qualità di consigliere laico del Cga, nonostante i ripetuti solleciti, depositava con ritardo superiore ai termini di legge le sentenze che gli venivano affidate.

Secondo i giudici contabili ci sarebbe stato un danno erariale.

“Il componente del Cga – si legge nella sentenza – era assolutamente consapevole dell’antigiuridicità della condotta in considerazione della sua preparazione giuridica, anche in ragione del procedimento disciplinare cui era stato sottoposto proprio a causa dei ritardi nella definizione dei procedimenti assegnatigli, esitato in una sanzione disciplinare. Atteso il cospicuo numero delle sentenze depositato in ritardo e l’ingente entità dei ritardi stessi, pare ragionevole anche la quantificazione del danno fatta dalla procura contabile nel 70% della retribuzione corrisposta al componente del Cga”.

© Riproduzione Riservata
Tag:
Blog
di Renzo Botindari

“Sulle Rive del Don”

Per noi bambini, lui aveva il potere “di vita e di morte” sul marciapiede davanti la portineria, all'epoca tutti i portieri erano dei "Don", oggi sostituiti da un videocitofono.
Blog
di Alberto Di Pisa

Democrazia diretta e indiretta

Di recente Grillo ha dichiarato di non credere in una forma di rappresentanza parlamentare ma nella democrazia diretta citando in proposito il referendum come il massimo dell’espressione democratica.
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.