13 dicembre 2018 - Ultimo aggiornamento alle 10.27
caronte manchette
caronte manchette

avrebbe effettuato interventi chirurgici senza autorizzazioni

Corte dei Conti: “Tutino paghi 20mila euro al Policlinico Palermo”

6 dicembre 2018

I giudici della Corte dei Conti hanno condannato Matteo Tutino a risarcire l’azienda Policlinico di Palermo con 20 mila euro in quanto avrebbe effettuato senza autorizzazioni interventi chirurgici all’ospedale Sant’Elia di Caltanissetta.

Il chirurgo plastico in quel periodo si trovava in servizio al Policlinico, ma era impegnato come consulente della Commissione Igiene e Sanità del Senato e, per questa ragione, su sua richiesta, con la delibera 43 del gennaio 2010, era stato collocato in aspettativa, senza assegni.

I carabinieri del Nas avrebbero accertato che il Policlinico di Palermo non aveva autorizzato gli interventi professionali in questione, a fronte dei quali il medico aveva percepito compensi, per prestazione svolte dal 2007 al 2011, non riversati all’amministrazione di appartenenza, per un importo di circa 33 mila euro.

Il dottore Tutino, difeso dall’avvocato Sabrina Donato, avrebbe negato di aver provocato danni alla propria amministrazione, affermando di aver collaborato gratuitamente, in virtù di un’apposita convenzione, con l’ospedale Sant’Elia di Caltanissetta e di aver percepito compensi solo per quegli interventi “salvavita” rivolti a malati non trasportabili, effettuati da quando era stato collocato in aspettativa senza assegni, sottolineando come si trattasse di remunerazioni esigue rispetto ai costi affrontati, regolarmente denunciate e sottoposte a tassazione.

I giudici della sezione giurisdizionale presieduta da Guido Carlino (Adriana Parlato Giudice relatore e Giuseppe Grasso giudice) hanno accolto in parte le richieste del procuratore, condannando Tutino a risarcire 20 mila euro, affermando che la somma da recuperare deve corrispondere all’importo effettivamente entrato nella sfera patrimoniale del dipendente, con esclusione della ritenuta d’acconto.

Tag:
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Abbiamo molto da imparare

“Nzu”! Suono quasi gutturale che usciva con una smorfia da chi quasi a significarvi che “nenti sacciu e nenti sapia” voleva chiudere al nascere qualunque tipo di conversazione e tu sapevi che anche se ti fossi perso era certamente giunto in Sicilia.
Andiamo a quel Paese
di Valerio Bordonaro Marco Scaglione

Diario di Singapore – Seconda Parte

Opportunità di business per le aziende siciliane, sia nella grande distribuzione, sia in hotel, ristoranti e catering. A Singapore i prodotti che potrebbero avere mercato sono: i preparati per gelato, i dolci da forno, i formaggi, le birre semi-artigianali, le conserve di verdura e le conserve ittiche.