Cortese lascia la Questura di Palermo: "Vado via col cuore spezzato" | LA LETTERA alla città :ilSicilia.it
Palermo

dopo la condanna per il caso Shalabayeva

Cortese lascia la Questura di Palermo: “Vado via col cuore spezzato” | LA LETTERA alla città

di
21 Ottobre 2020

Ciao Palermo, è arrivato il momento di andare, di partire, di lasciarti… con il cuore spezzato vado via da una città che mi ha accolto con affetto, che mi ha visto crescere e invecchiare..”

Lo scrive il questore di Palermo Renato Cortese che è stato destinato a altro incarico dopo la condanna a cinque anni di carcere e all’interdizione perpetua dai pubblici uffici per il sequestro e l’estradizione di Alma Shalabayeva, in una lettera alla città.

“Oggi vedo – continua una Palermo sempre straordinariamente bella, affascinante e testarda, che si è ripresa quello che credevano di poterle strappare: il futuro”.

“Palermo è la migliore parte di me – prosegue – Una bellezza caleidoscopica, dai mille volti: quello della solidarietà, della speranza, del coraggio, della cultura, della coscienza civile, della sete di giustizia, della curiosità dell’amore, che porterò con me, nel continuare il mio cammino”.

Renato Cortese e Leoluca OrlandoIeri sera il sindaco, Leoluca Orlando, ha incontrato a Palazzo delle Aquile Cortese in visita di commiato.

“Ho ringraziato il questore – ha detto il sindaco – per il grande impegno professionale profuso in questi anni nella nostra città, che ha portato ad importanti risultati sul fronte della lotta alla criminalità organizzata, ma anche per la collaborazione cui ha improntato la sua attività, volta a rafforzare una cultura della legalità ed a facilitare il dialogo e il rapporto fra cittadini, istituzioni e forze dell’ordine”.

 

QUI LA LETTERA INTERA (PDF)

© Riproduzione Riservata
Tag:

‘La caduta, eventi e protagonisti in Sicilia: 1972-1994’: l’analisi di Calogero Pumilia

Calogero Pumilia, per oltre vent’anni deputato democristiano, nel suo “La Caduta. Eventi e protagonisti in Sicilia 1972-1994“, in libreria in questi giorni, ci offre un contributo in questo senso regalandoci una lettura dal di dentro che consente di farci scoprire come molte leggende metropolitane, spacciate per verità storica, debbano essere riviste.
Blog
di Giovanna Di Marco

Lidliota. E non è un romanzo

Ora mi chiedo come ci siamo ridotti se davvero su internet vanno a ruba le scarpe vendute alla Lidl a prezzi esorbitanti, perché pare che
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin