Cosa bisogna sapere sulla sanità del nostro Paese e della nostra Sicilia :ilSicilia.it

L'analisi

Cosa bisogna sapere sulla sanità del nostro Paese e della nostra Sicilia

di
22 Luglio 2019

Il nostro ministero dell’economia condiziona la spesa sanitaria e nulla può un ministro della Salute rispetto ai cosiddetti vincoli di bilancio.

L’OCSE (Organizzazione per la cooperazione e lo sviluppo economico) con i suoi report ci permette di confrontare i vari sistemi sanitari in termini di spesa e di consumo in ambito sanitario.

I dati OCSE con il report pubblicato lo scorso 2 luglio evidenziano come il nostro Paese o meglio il ministero dell’economia prevede una spesa procapite (a parità di potere di acquisto) di circa 500€ al di sotto della media. Ricordiamo che la spesa pro-capite prevede anche la compartecipazione del cittadino che ammonta per quello italiano a poco più di 700€ a testa (che essendo una media spalmata su tutta la popolazione possiamo immaginare quanto sia più alta per quelli meno fortunati).

Siamo tra i paesi in cui c’è la più bassa crescita annuale della spesa corrente per la salute. La nostra aspettativa sta calando, il numero di parti cesarei è eccessivo ed è eccessiva la prescrizione degli antibiotici e di Risonanze magnetiche.

Siamo ben oltre la media anche nel numero dei fumatori (dato più marcato nelle donne). In particolare, consumiamo più farmaci in Sicilia rispetto alla media italiana ma la spesa si è contratta. Questi dati sono allarmanti da vari punti di vista perché a fronte di un contenimento della spesa totale e di quella farmaceutica (particolarmente in sicilia) i bisogni di salute della nostra popolazione sono aumentati per la crescita esponenziale delle cronicità che sempre più spesso coesistono in una popolazione sempre più anziana.

Non solo non si intravedono azioni correttive ma la contrazione della spesa farmaceutica potrebbe essere vista (se già non lo è) come un dato positivo invece, al contrario, sembra evidente che l’appropriatezza prescrittiva non si sia modificata e l’accesso ai farmaci innovativi sia diventato sempre più difficile per non parlare delle gravi diseguaglianze nell’accesso alle cure tra le varie province.

Il dato quindi della spesa farmaceutica in Sicilia può essere interpretato come positivo solo “dai ragionieri” della sanità.  Non si spiegherebbero altrimenti le tante limitazioni ai farmaci innovativi in dermatologia e reumatologia mentre l’innovazione avanza.

Addirittura, le ricadute sul bilancio di quelle aziende ospedaliere che sono veramente di elevata specializzazione, per colpa di decreti sconsiderati che non rimborsano la spesa farmaceutica dei farmaci innovativi, prescritti in modo appropriato, perché si “sfora” una spesa calcolata nel lontano 2015 e fuori da ogni corretta valutazione fondata sul bisogno di salute dei cittadini e sulla disponibilità di nuovi farmaci nel presente.

Siamo sempre in attesa di provvedimenti in grado di agire sulle leve giuste: quelle di migliori modelli organizzativi, di un approccio alle cronicità coerente e fondato sul corretto dialogo tra ospedale e territorio, una migliore risposta del territorio ed una visione meno pronto-soccorso-centrica che concentrando le risorse proprio sulla porta d’accesso dell’ospedale depotenzia la rimanente parte, danneggia lo stesso pronto soccorso e continua a non responsabilizzare il territorio, fornendo un messaggio alla popolazione che è quella la strada da percorrere per trovare risposte ai propri bisogni di salute (basta verificare l’elevata frequenza di codici verdi).

 

Confronto della spesa per I livello ATC (sigla relativa alla classificazione dei farmaci) tra Italia e Sicilia (strutture pubbliche). Notare che l’area tratteggiata in rosso è più piccola di quella in blu e quasi sempre all’interno.

 

Per ulteriori approfondimenti sul mondo della sanità vai su www.sanitainsicilia.it.

© Riproduzione Riservata
Tag:

Blog

di Renzo Botindari

Avessimo almeno cercato un cambiamento

L’olio galleggia sull’acqua, ma poi strapazzare il contenitore, spargere in goccioline questo liquido più leggero dell’acqua, ma appena terminato lo stress le varie goccioline convergono nel centro riunificandosi e creando una unica chiazza galleggiante.

Se sei donna

di Mila Spicola

Tre donne siciliane che hanno fatto la Storia

Conosciamo in tanti la storia di Franca Viola, di Alcamo, che nel 1968, appena diciottenne, sostenuta dalla sua famiglia, rifiutò un matrimonio riparatore, diventando un simbolo della crescita civile dell'Italia nel secondo dopoguerra e dell'emancipazione delle donne italiane.

Fenomeno serie tv

di Michele Lombardo

Remake e Reboot: un fenomeno in crescita

Non è certo un fenomeno nuovo, ma negli ultimi anni con l'avvento delle piattaforme streaming e il conseguente aumento della produzione di serie tv, i remake e i reboot ( in italiano rifacimento e riavvio) sono diventati molto frequenti. La differenza tra i due termini è sostanziale:

In Primis la Sicilia

di Maurizio Scaglione

Vota e fai votare…. ma pensa con la tua testa

Vi ricordate quando, parliamo anni 60 e 70 , durante il periodo elettorale,  passavano per i quartieri le vecchie Fiat 600 con il megafono montato nel portabagagli sul tetto e gridavano con voce decisa, vota e fai votare Pinuccio Tal dei tali, per il tuo futuro , per il futuro dei tuoi figli, per il lavoro

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Il colpo di mano sull’autonomia differenziata

Subdolamente con un inserimento nella legge di bilancio sta passando l’autonomia differenziata. Si tratta di un collegato alla legge di bilancio fatto passare nella notte che sta riportando il tema dell’autonomia in corsa per essere approvato.

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.

Blog

di Alberto Di Pisa

Democrazia diretta e indiretta

Di recente Grillo ha dichiarato di non credere in una forma di rappresentanza parlamentare ma nella democrazia diretta citando in proposito il referendum come il massimo dell’espressione democratica.