Cosa nostra e la "grande impostura": a Bar Sicilia il libro "Mafia senza onore" CLICCA PER IL VIDEO :ilSicilia.it

puntata numero 207

Cosa nostra e la “grande impostura”: a Bar Sicilia il libro “Mafia senza onore” CLICCA PER IL VIDEO

di
19 Giugno 2022

CLICCA IN ALTO PER IL VIDEO

La puntata numero 207 di Bar Sicilia è dedicata alla presentazione dell’anteprima del libro “Mafia senza onore” scritto da Elio Sanfilippo e Maurizio Scaglione, edito da Navarra Editore con le foto di Francesco Bellina. A Villa Magnisi, sede dell’Ordine dei Medici Chirurghi ed Odontoiatri di Palermo, insieme agli autori, anche Toti Amato, Presidente dell’Ordine dei Medici di Palermo e le voci dei protagonisti intervenuti all’evento, raccolte da Maria Calabrese.

Esiste un’antica legge non scritta dalla mafia secondo cui, ad esempio, donne e bambini, non andrebbero mai toccati? La mafia, quella “di una volta”, quella delle origini, quella del “teorema Buscetta”, ha un proprio codice d’onore? Secondo Elio Sanfilippo e Maurizio Scaglione, la risposta è chiara ed è una sola: NO.

Gli autori del libro “Mafia senza onore”, ricostruiscono la storia di Cosa nostra attraverso un lungo viaggio che parte dal 1945 a oggi. Attraverso la violenza e gli orrori della mafia, l’obiettivo del libro è quello di cancellare la” grande impostura” secondo cui, la mafia, rispettasse un suo codice di onore e risparmiasse donne e bambini.

Elio Sanfilippo

“E’ stata un’operazione molto astuta creata dalla mafia stessa che sapeva ricorrere a sapienti depistaggi, dai più semplici ai più sottili. L’esistenza di una mafia buona venne più volte avvalorata da Tommaso Buscetta che voleva così accreditarsi davanti allo Stato. Sempre Buscetta, alla domanda di Enzo Biagi che chiedeva se esistesse un mafioso buono, rispose: «Si io lo sono.»

Abbiamo voluto demistificare questo imbroglio e dimostrare, attraverso i contesti in cui si sono stati uccisi donne e bambini, che questi non c’entravano niente con la mafia ma, erano vittime dell’orrore o degli errori di Cosa nostra”, dice Sanfilippo.

Maurizio Scaglione

“L’idea del libro – dice Scaglione – nasce da una rabbia e da una domanda. E’ giusto che una parola così importante come la parola onore faccia parte di volgari delinquenti? Non esiste il famoso teorema Buscetta: l’onore appartiene alle persone che lo sanno rispettare, che non uccidono, che non delinquono. La mafia non era e non è questo.”

Insieme alle storie più illustri, da Falcone e Borsellino, a Peppino Impastato, Pio La Torre, Carlo Alberto Dalla Chiesa, Boris Giuliano, Rocco Chinnici e Ninni Cassarà, gli omicidi dei piccoli Claudio Domino e Giuseppe Di Matteo, nel libro trovano giusto spazio e riconoscimento anche quelle storie quasi sconosciute di vittime non illustri: una donna uccisa per errore al mercato, un bambino che gioca per strada, una coppia di anziani al bar, braccianti che tornano dal lavoro, imprenditori che si oppongono al pizzo.

E poiché spesso le immagini parlano molto più delle parole, il materiale fotografico inedito del fotografo Francesco Bellina, frutto di una accurata ricerca sul campo di luoghi e di personaggi, sia vittime che carnefici, riesce a imprimere nella mente del lettore-osservatore quelle storie forti e truci.

Toti Amato

“I medici – conclude Amato –  si occupano dell’assistenza alle persone. Il monito che lanciamo è che nessun bambino deve soffrire. Parte dei proventi del libro sarà infatti devoluta alla Missione Speranza e Carità di Biagio Conte per l’acquisto di strumentazione sanitaria per l’area pediatrica. La Missione accoglie migranti ma anche persone che soffrono per colpa delle mafie e, per questo, ci siamo impegnati per questa iniziativa. E’ importante che i medici comprendano le radici della nostra professione e siano aperti alla solidarietà umana avendo il coraggio di fare bene il proprio lavoro.”

 

 

 

Il libro sarà disponibile in tutte le librerie siciliane dal 1 luglio

 

 

 

 

 

 

 

 

© Riproduzione Riservata
Tag:

Blog

di Renzo Botindari

La Cosa Giusta

Il mio mondo è pieno di individui che hanno preso le scorciatoie e che con la loro scarsa morale minano alla base giornalmente i nostri principi essendo esempio di una classe vincente

Rosso di sera

di Elio Sanfilippo

Fine del Referendum?

Il voto delle amministrative del 12 giugno, i suoi risultati, con l’esultanza dei vincitori e la delusione degli sconfitti con il carico di polemiche e di recriminazioni, ha messo in ombra fino alla sua rimozione

Fenomeno serie tv

di Michele Lombardo

Remake e Reboot: un fenomeno in crescita

Non è certo un fenomeno nuovo, ma negli ultimi anni con l'avvento delle piattaforme streaming e il conseguente aumento della produzione di serie tv, i remake e i reboot ( in italiano rifacimento e riavvio) sono diventati molto frequenti. La differenza tra i due termini è sostanziale:

In Primis la Sicilia

di Maurizio Scaglione

Vota e fai votare…. ma pensa con la tua testa

Vi ricordate quando, parliamo anni 60 e 70 , durante il periodo elettorale,  passavano per i quartieri le vecchie Fiat 600 con il megafono montato nel portabagagli sul tetto e gridavano con voce decisa, vota e fai votare Pinuccio Tal dei tali, per il tuo futuro , per il futuro dei tuoi figli, per il lavoro

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Il colpo di mano sull’autonomia differenziata

Subdolamente con un inserimento nella legge di bilancio sta passando l’autonomia differenziata. Si tratta di un collegato alla legge di bilancio fatto passare nella notte che sta riportando il tema dell’autonomia in corsa per essere approvato.